menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carenze autorizzative: chiusa struttura per anziani, trasferiti 11 ospiti

Un’altra struttura per anziani chiude i battenti a Mesagne, a seguito di un'ispezione dei carabinieri del Nas e dell'Asl

MESAGNE - Un’altra struttura per anziani, la seconda nel giro di poche settimane, chiude i battenti a Mesagne, perché “oltre ad essere priva di autorizzazione rilasciata da parte del Comune di Mesagne era carente dei requisiti organizzativo gestionali per poter ospitare persone affette da grave deficit psico-fisico, come prescrive al riguardo la legge regionale”. 

La chiusura del centro è stata disposta dal Comune di Mesagne, a seguito di una ispezione effettuata dai carabinieri del Nas di Taranto nel mese di Maggio, Mesagne congiuntamente con personale medico dell’Asl e del Servizio Sociale Comunale. SI tratta di una struttura socio assistenziale adibita all’accoglienza di anziani autosufficienti e non autosufficienti. 

Sulla base di quanto accertato dai militari, questa era carente delle autorizzazioni previste dalla legge. Infatti, le strutture soggette ad autorizzazione oltre a rispettare i requisiti indicati dalle norme di carattere generale e in particolare, dalle disposizioni in materia di urbanistica, di edilizia, di prevenzione incendi, di igiene e sicurezza, di contratti di lavoro, devono possedere i requisiti minimi previsti dalla legge e dal regolamento regionale.

Pertanto il dirigente dell’Area Sociale e Culturale del Comune di Mesagne a seguito di quanto accertato in sede di ispezione ne ha disposto l’immediata chiusura della Casa di riposo ed il contestuale trasferimento degli 11 anziani ospiti, di cui due autosufficienti e nove non autosufficienti, presso i rispettivi nuclei familiari o altri idonei complessi autorizzati. 

Nel prosieguo degli accertamenti  è stato riscontrato che gli anziani ospiti erano stati arbitrariamente trasferiti nella struttura oggetto di chiusura nel mese di maggio, provenienti  da altra struttura socio assistenziale ubicata sempre in Mesagne coordinata dalla stessa gestione. Anche per questa seconda struttura il responsabile del servizio  area sociale e culturale del comune di Mesagne, ha emesso “ordinanza di revoca dell’autorizzazione al funzionamento con consequenziale cancellazione dei servizi assistenziali dal registro regionale”. 

L’ordinanza di revoca che colpisce questa seconda struttura scaturisce dal fatto che, chi  era preposto alla sua gestione aveva interrotto l’attività ricettiva in assenza della preventiva  comunicazione al comune di Mesagne, trasferendo arbitrariamente gli ospiti. Il valore di questa seconda infrastruttura ammonta a 250mila euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento