Rilasciò false dichiarazioni: finisce ai domiciliari

L'episodio avvenne nel 2013. Ora il 48enne deve espiare il residuo di pena pari a un anno e due mesi di reclusione

CAROVIGNO - Nel 2013 rilasciò false dichiarazioni sulla propria identità, adesso deve scontare la pena ai domiciliari. I carabinieri della Stazione di Carovigno hanno eseguito un’ordinanza di carcerazione, emessa dal Tribunale di Brindisi, nei confronti di I. C., 48enne residente a Latiano e domiciliato al Crap (Comunità riabilitativa assistenziale psichiatrica) "Pegaso" di Carovigno. L’uomo deve espiare il residuo di una pena pari a un anno e due mesi di reclusione per il reato di false dichiarazione sulla identità o su qualità personali proprie o di altri, commesso in Brindisi nel 2013. L’arrestato, concluse le formalità di rito, è stato tradotto in regime di detenzione domiciliare presso la citata comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento