menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cartucce e minacce ai danni del consigliere uscente Toni Muccio

Cartucce per pistola sono state trovate nella cassetta delle lettere del condominio in cui risiede il consigliere comunale uscente, coordinatore cittadino di Noi centro, Toni Muccio, al civico 1 E di viale Gran Bretagna

BRINDISI – Cartucce per pistola sono state trovate nella cassetta delle lettere del condominio in cui risiede il consigliere comunale uscente, coordinatore cittadino di Noi centro, Toni Muccio, al civico 1 E di viale Gran Bretagna, al rione Bozzano. I proiettili erano accompagnati dal messaggio: "Pagherai bastardo". Sul posto si sono recati i poliziotti della Sezione volanti insieme ai colleghi della Digos di Brindisi.

La scritta di minacce ai danni di Toni Muccio-2

La scoperta è stata fatta nella tarda mattinata di oggi (24 giugno). Si tratta del secondo atto intimidatorio ai danni di Muccio, che nella tarda serata del 10 novembre 2014 subì un attentato incendiario che distrusse la sua auto, sempre in viale Gran Bretagna. Muccio nel corso della campagna elettorale ha sostenuto la neoeletta sindaca Angela Carluccio.

Toni Muccio-5

Le cartucce sono del calibro 38 per revolver. Il messaggio è stato scritto con lettere ritagliate da un giornale incollate su un foglio, E' stato lo stesso Muccio a fare la scoperta. Lo stesso destinatario dell'intimidazione ha deciso di non rilasciare dichiarazioni, almeno per il momento. L'esponente della nuova maggioranza al Comune si è recato in questura, dove è stato invitato dagli investigatori della Digos, che condurranno le indagini sulla vicenda. Una volta terminati i rilievi del caso, i proiettili e il messaggio minatorio sono stati prelevati da un agente della Scientifica.

Le cassette delle lettere del condominio dove abita Muccio-2

Solidarietà nei confronti di Muccio è stata subito espressa dai coordinamenti cittadini di Noi Centro e Brindisi Prima di tutto, i quali "condannano il gravissimo episodio intimidatorio avvenuto questa mattina ai danni di Toni Muccio". "Evidentemente  - si legge in una nota di Noi Centro - il clima di veleni che ha caratterizzato tutta la campagna elettorale appena conclusa continua a ostacolare il ripristino della serenità in un momento in cui invece Brindisi ha bisogno di ripartire".

"Toni Muccio, coordinatore cittadino di Noi Centro - si legge ancora nel comunicato - ha speso tutte le sue energie per il raggiungimento di un obiettivo che è stato centrato anche grazie al suo impegno e che è stato portato avanti nella correttezza e nel rispetto delle regole". 

"Purtroppo chi avrebbe il compito di stemperare i toni continua a fomentare un clima di polemiche e di accuse che hanno probabilmente portato alle gravissime minacce subite questa mattina da Muccio al quale esprimiamo tutta la solidarietà nella certezza che le forze dell'ordine sapranno individuare gli autori del vile gesto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento