menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I cavi recuperati dai carabinieri

I cavi recuperati dai carabinieri

Catturati quattro ladri di rame

BRINDISI – Sorpresi con oltre 360 metri di cavi in rame del peso complessivo di oltre due tonnellate e mezzo, risultati rubati a Lecce nella notte, in manette stamani quattro brindisini: si tratta di Omar Sgura di 28 anni, Fabio Petrosillo di 44, Sandro Carriero di 47 e Angelo Carlucci di 48, tutti già noti alle forze dell'ordine.

BRINDISI - Sorpresi con oltre 360 metri di cavi in rame del peso complessivo di oltre due tonnellate e mezzo, risultati rubati a Lecce nella notte, in manette stamani quattro brindisini: si tratta di Omar Sgura di 28 anni, Fabio Petrosillo di 44, Sandro Carriero di 47 e Angelo Carlucci di 48, tutti già noti alle forze dell'ordine. L'arresto è stato operato all'alba di oggi dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Brindisi al comando del tenente Alberto Cavenaghi, in servizio di prevenzione di reati ai danni di aziende.

I quattro sono stati sorpresi dai militari nella zona industriale di Brindisi a bordo di un camion sospetto carico di cavi in rame. Alla vista dei militari hanno tentato la fuga: inseguiti, sono stati fermati poco dopo. Dagli accertamenti è emerso che il rame che trasportavano era stato rubato durante la notte da un impianto fotovoltaico di Lecce, situato alle spalle dell'ex manifattura di tabacchi. Trasferiti in caserma, su disposizione del pubblico ministero di turno, Raffaele Casto i quattro brindisini sono stati dichiarati in arresto e rinchiusi nel carcere di Brindisi con l'accusa di furto aggravato. Il furgone e la refurtiva sono stati sottoposti a sequestro.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento