rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Ceglie Messapica

Ceglie, aggressione al pronto soccorso

CEGLIE MESSAPICA - Se una persona si presenta con lesioni ad un pronto soccorso, il dovere del personale medico è di accertarne le cause. Ma sia C.P. di 21 anni, il soggetto che richiedeva le cure, che il padre C.P. di 50 anni, non avevano alcuna intenzione di spiegare al medico di guardia cosa fosse accaduto, e alle insistenze di questi e degli infermieri, scattava una reazione violenta: padre e figlio si scagliavano contro i sanitari urlando minacce e percuotendoli. Poi sono fuggiti.

CEGLIE MESSAPICA - Se una persona si presenta con lesioni ad un pronto soccorso, il dovere del personale medico è di accertarne le cause. Ma sia C.P. di 21 anni, il soggetto che richiedeva le cure, che il padre C.P. di 50 anni, non avevano alcuna intenzione di spiegare al medico di guardia cosa fosse accaduto, e alle insistenze di questi e degli infermieri, scattava una reazione violenta: padre e figlio si scagliavano contro i sanitari urlando minacce e percuotendoli. Poi sono fuggiti.

Ma i carabinieri non ci hanno messo molto a rintracciarli. Gli aggressori erano tornati a casa, dove i miliatri della stazione locale li hanno trovati e prelevati. Una volta in caserma, i due soggetti sono stati formalmente denunciati in stato di libertà. Le ecchimosi e le altre lesioni non gravi che il 21enne presentava erano probabilmente collegate ad un'altra colluttazione, vicenda che egli non inteneva rivelare per ragioni in corso di accertamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceglie, aggressione al pronto soccorso

BrindisiReport è in caricamento