rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Ceglie, avvocato-evasore: la Finanza scopre compensi non dichiarati per 540mila euro

CEGLIE MESSAPICA – Oltre 500 transazioni bancarie relative al periodo d'imposta che va dagli anni 2006 al 2009. Versamenti presunti di clienti per le sue prestazioni professionali che non sono, tuttavia, mai state dichiarate al fisco. Incappa nella rete della compagnia della Guardia di Finanza di Ostuni un noto avvocato di Ceglie Messapica che non ha dichiarato al fisco compensi per 540 mila euro evadendo anche l'imposta sul valore aggiunto per quasi 70 mila euro.

CEGLIE MESSAPICA - Oltre 500 transazioni bancarie relative al periodo d'imposta che va dagli anni 2006 al 2009. Versamenti presunti di clienti per le sue prestazioni professionali che non sono, tuttavia, mai state dichiarate al fisco. Incappa nella rete della compagnia della Guardia di Finanza di Ostuni un noto avvocato di Ceglie Messapica che non ha dichiarato al fisco compensi per 540 mila euro evadendo anche l'imposta sul valore aggiunto per quasi 70 mila euro.

I militari - guidati dal capitano Antonio Martina - dopo aver passato al setaccio gli anni d'imposta dal 2006 al 2009 hanno scoperto che il legale non aveva fatturato gran parte dei redditi derivanti dalla sua attività professionale, che si svolge in campo civilistico ma anche nel penale, con patrocinio in Cassazione. Attraverso una serie di indagini bancarie i finanzieri hanno scoperto circa 500 transazioni non dichiarate. Una indagine d'iniziativa, quella dei finanzieri della Città Bianca che oltre a controllare le aziende non perdono d'occhio nemmeno i professionisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceglie, avvocato-evasore: la Finanza scopre compensi non dichiarati per 540mila euro

BrindisiReport è in caricamento