Ceglie Messapica. Anziano truffato da finto dipendente comunale: sottratti duemila euro

Il truffatore si è presentato alla porta dell'anziano questa mattina con la scusa di controllare i numeri seriali delle banconote

CEGLIE MESSAPICA - Si è finto dipendente comunale e con la scusa di controllare i numeri seriali di alcune banconote ha sottratto al malcapitato, un 86enne del posto, la somma di duemila euro in contanti. Il fatto è accaduto questa mattina, attorno alle ore 11, in una zona centrale della città. In particolare, il finto dipendente comunale ha bussato alla porta dell'anziano e con il raggiro del controllo delle banconote ha portato via il denaro consegnando all'86enne una busta contenente pezzetti di carta. La zona non è servita da videosorveglianza. Sul caso indagano i carabinieri della locale stazione dove l'anziano si è presentato per sporgere denuncia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento