Rapina e spaccio di stupefacenti: finisce in carcere

Protagonista un 30enne, i reati sono stati commessi tra il 2012 e il 2014. Accusato anche di danneggiamento e minacce

CEGLIE MESSAPICA - Rapina e spaccio di stupefacenti: arriva il conto della giustizia. I carabinieri della locale Stazione hanno eseguito un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi, nei confronti di un 30enne del luogo. L’uomo deve espiare il residuo di una pena di 5 anni, 7 mesi e 26 giorni per atti sessuali, minacce, danneggiamento, rapina e detenzione di stupefacente ai fini di spaccio, reati commessi a Ceglie Messapica tra il 2012 e il 2014. L’arrestato, al termine delle formalità rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Brindisi, come disposto dall’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Covid, Puglia: contagi di nuovo in aumento. Emiliano: "Rt pari a 1.06"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento