Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Abuso d'ufficio: dirigente comunale si professa innocente

L'interrogatorio di garanzia davanti al gip si è svolto questa mattina, venerdì 28 maggio 2021, in presenza. L'ingegnere del Comune è difeso dagli avvocati Aldo Gianfreda e Giuseppina Dignitoso

CEGLIE MESSAPICA - E' durato circa un'ora e mezza l'interrogatorio di garanzia di Pasquale Suma, 66enne, dirigente dell'area 6/Pianificazione del Territorio del Comune di Ceglie Messapica, davanti al gip del Tribunale di Brindisi, Vittorio Testi. Suma, finito agli arresti domiciliari mercoledì 26 maggio, con l'accusa di abuso d'ufficio, ha chiarito la sua posizione asserendo di aver solo applicato la norma di attuazione del Pug nel calcolo degli oneri concessori, correggendo, così, un errore commesso dall'ex dirigente dell'ufficio tecnico comunale e dichiarandosi, pertanto, innocente. L'interrogatorio si è svolto questa mattina ( venerdì 28 maggio 2021) in presenza. Suma è difeso dagli avvocati Aldo Gianfreda e Giuseppina Dignitoso, che valuteranno nei prossimi giorni di presentare istanza di revoca della misura degli arresti domiciliari. 

Gli accertamenti investigativi, nello specifico, hanno riguardato il presunto illecito rilascio di un permesso di costruire con cambio di destinazione d'uso di un immobile artigianale di proprietà di un'azienda locale operante nel settore immobiliare. Il dirigente Suma è accusato di aver procurato all' azienda un ingiusto vantaggio patrimoniale, consistente nel minor versamento di oneri urbanistici, per un importo pari a circa 45mila euro. Violando specifiche regole di condotta espressamente previste dalla normativa di settore da cui non residuava alcun margine di discrezionalità, il pubblico ufficiale ha autorizzato, di fatto, l'azienda a non versare i dovuti contributi previsti per il rilascio del permesso a costruire, dell'ammontare complessivo di circa 53mila euro, accettando il versamento parziale di soli 8.600 euro, così cagionando anche un ingiusto danno patrimoniale all'ente locale di appartenenza.

L'indagine è  diretta dal sostituto procuratore Raffaele Casto e coordinata dal procuratore aggiunto Antonio Negro, entrambi della Procura di Brindisi. I militari del nucleo di polizia economico finanziaria della guardia di finanza di Brindisi hanno eseguito l'ordinanza cautelare di applicazione degli arresti domiciliari nei confronti di Suma, emessa dal gip del Tribunale di Brindisi, Vittorio Testi. Nella mattinata di mercoledì 26 maggio 2021, la guardia di finanza si è recata al Comune di Ceglie per acquisire ulteriore documentazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abuso d'ufficio: dirigente comunale si professa innocente

BrindisiReport è in caricamento