Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Ceglie Messapica

Opere edili e scarichi abusivi: quattro persone nei guai

I carabinieri forestali hanno inoltre scoperto che gli immobili erano stati costruiti oltre 30 anni fa senza alcun titolo abilitativo

CEGLIE MESSAPICA - Quattro persone denunciate dai carabinieri forestali per opere edili e scarichi abusivi. Continua l'attività di controllo del territorio rurale di Ceglie Messapica e dei comuni limitrofi, per il contrasto ai reati in danno dell'ambiente, soprattutto abusi edilizi. I militari della stazione forestale di Ceglie Messapica, nell'approfondire le indagini su taluni scarichi di reflui domestici da abitazioni rurali, hanno questa volta scoperto che gli stessi immobili a servizio delle quali erano state realizzate le tubazioni, risultate abusive, risultavano costruiti da oltre 30 anni senza alcun titolo abilitativo.

L'episodio si riferisce ad una zona nelle campagne cegliesi, in contrada Pezze Sant'Angelo, per cui, a seguito del controllo ambientale sugli scarichi, è emerso che nell'atto di donazione in favore dei figli, e sottoscritto 5 anni orsono da tutti i quattro componenti del medesimo nucleo familiare interessati alla transazione, era stato omesso di indicare gli immobili realizzati, abusivamente, nei terreni agricoli oggetto dell'atto.

Controlli abusi Ceglie M-2

L'abuso edilizio, commesso in tempi per cui il termine di prescrizione del reato è stato largamente superato, non è stato naturalmente contestato; ma le quattro persone sono state tutte denunciate alla Procura della Repubblica di Brindisi per il reato di falso commesso dal privato in atto pubblico, ai sensi dell'articolo 483 del codice penale.

Agli stessi è stata comminata una multa (sanzione amministrativa) per gli scarichi di reflui non autorizzati, dell'importo da 600 a 3.000 euro, ai sensi dell'articolo 133, comma 2, del Decreto legislativo numero 152 del 2006 (“Testo Unico Ambientale”).
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opere edili e scarichi abusivi: quattro persone nei guai

BrindisiReport è in caricamento