Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

Un altro ordigno artigianale è stato fatto esplodere in via Dante Alighieri. La deflagrazione non avrebbe provocato danni

CELLINO SAN MARCO – Nuovo boato a Cellino San Marco: dopo la bomba carta fatta esplodere nei pressi dell’abitazione di un imprenditore tra domenica e lunedì scorsi, alle prime ore del giorno di oggi un altro boato ha svegliato gran parte dei cellinesi. Il rumore provocato dalla deflagrazione è stato udito intorno alle cinque nella zona Nord del paese, tra via Benedetto Croce, via San Marco, via Mazzini e strade limitrofe. Nella stessa zona dove c’è la sede della caserma dei carabinieri.

Da quanto si apprende un altro ordigno artigianale è stato fatto esplodere per strada, in via Dante Alighieri, una traversa di via San Marco. La deflagrazione non avrebbe provocato danni ma anche in questo caso, da quanto emerge dai primi accertamenti, si è trattato di un atto intimidatorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulle indagini si mantiene lo stretto riserbo, i carabinieri della compagnia di Brindisi unitamente ai colleghi di Cellino San Marco stanno indagando per fare chiarezza sulla vicenda. Al vaglio alcuni fotogrammi delle telecamere installate nella via dove è stata fatta esplodere la bomba carta. I militari stanno anche ascoltando alcuni residenti e testimoni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento