menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro per le cure palliative a San Vito: il Comune riavvia l'iter autorizzativo

Il progetto non risulterebbe in contrasto con l'utilizzo dell'Ospedale di Mesagne come Hospice in quanto per il territorio brindisino risulta un fabbisogno regolamentare di 39 posti

SAN VITO NORMANNI - L'amministrazione comunale di San Vito dei Normanni, riprendendo l'iniziativa già avviata nel 2008 di collaborazione con il Gna (Gruppo Assistenza Neoplastici) per la realizzazione di un Centro per cure palliative (Hospice) di 12 posti letto presso un'ala di Casa Serena, ha riavviato la procedura autorizzando la realizzazione del Centro e l'uso della struttura.

La Regione Puglia ha dimostrato da subito piena condivisione del progetto e rinnovato il proprio impegno, sia pure subordinandolo al parere della Direzione Generale Asl Br1. È di questi giorni, infatti, una nota della Regione Puglia con la quale si invita l'Asl di Brindisi ad esprimere un parere motivato di eventuale conferma anche parziale del parere favorevole di compatibilità già rilasciato dalla Regione Puglia nel 2008 per la realizzazione  del Centro per Cure Palliative per pazienti oncologici in fase terminale (Hospice), tenendo conto della "distribuzione delle domande di assistenza di cure palliative residenziali e della programmazione dell'attivazione di strutture pubbliche nell'ambito della stessa Asl”.

Il progetto di San Vito dei Normanni non risulterebbe in contrasto con l'utilizzo dell'Ospedale di Mesagne come Hospice in quanto per il territorio brindisino risulta un fabbisogno regolamentare di 39 posti, di gran lunga superiore al numero programmato per l'Ospedale di Mesagne. 

Piena soddisfazione viene espressa, al riguardo, dal Sindaco, dagli Assessori e dal Presidente del Consiglio Comunale di San Vito dei Normanni, impegnati fortemente per la realizzazione del Progetto-Hospice. Una iniziativa che certamente vedrà l'impegno della Direzione Asl e di quanti, volontari e non, in primis il Gna, sono da sempre impegnati in prima linea nell'assistenza domiciliare ai malati oncologici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento