Cronaca

Cerca di corrompere i poliziotti con un caffè e si dichiara falsamente avvocato

"Chiuda un occhio che vi offro un caffè" e davanti al rifiuto dei poliziotti, invece di collaborare, ha dichiarato di essere un avvocato. Ma era falso

OSTUNI – “Chiuda un occhio che vi offro un caffè” e davanti al rifiuto dei poliziotti, invece di collaborare, ha dichiarato di essere un avvocato. Ma era falso. Tutto perché era stato fermato mentre era alla guida di un’utilitaria sprovvista di carta di circolazione e già sottoposta a sequestro amministrativo. È così che un 41enne di Ostuni A.B. è stato denunciato per istigazione alla corruzione, falsa attestazione o dichiarazione ad un Pubblico Ufficiale sulla identità o su qualità personali, proprie o di altri, nonché sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro.

L’uomo è incappato in un posto di controllo operato dai poliziotti del commissariato di polizia di Ostuni, diretto dal commissario capo Gianni Albano. Come già accennato, essendo stato sorpreso alla guida di un’auto non in regola con i documenti di circolazione ha cercato dapprima di corrompere gli agenti invitandoli a chiudere un occhio e poi dichiarando di essere un avvocato, dichiarazioni smentite nel giro di pochi minuti attraverso le opportune verifiche. Dopo essere stato condotto negli uffici del commissariato dove sono stati eseguiti approfondimenti sulla sua identità, è stato denunciato.

I poliziotti del commissariato hanno inoltre dato esecuzione ad un ordine del giudice di ricovero presso una comunità di tipo educativo emesso nei confronti di una donna del posto, C.V., 33 anni, con problemi legati allo spaccio ed al consumo di eroina, d ove dovrà espiare la pena residua di 3 anni 1 mese e 28 giorni di reclusione per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di corrompere i poliziotti con un caffè e si dichiara falsamente avvocato

BrindisiReport è in caricamento