menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il questore Maurizio Masciopinto si insedia a Brindisi: le foto della cerimonia

Il questore Maurizio Masciopinto ha assunto stamani (1 dicembre) le redini della questura di Brindisi, raccogliendo idealmente il testimone dal predecessore, Roberto Gentile. La cerimonia di insediamento si è svolta nel cortile dell’edificio di via Perrino

BRINDISI – Il questore Maurizio Masciopinto ha assunto stamani (1 dicembre) le redini della questura di Brindisi, raccogliendo idealmente il testimone dal predecessore, Roberto Gentile, che aveva già lasciato il capoluogo. La cerimonia di insediamento si è svolta nel cortile dell’edificio di via Perrino. Affiancato dal cappellano della polizia di Stato, don Claudio Macchitella, Masciopinto ha deposto un omaggio floreale sul monumento realizzato in memoria dei caduti. Poi si è diretto verso il picchetto d’onore, presentandosi ai dirigenti e ai funzionari che lo accompagneranno in questa nuova avventura.

Nato 57 anni fa a Napoli, Masciopinto è stato a lungo in prima linea nei commissariati partenopei, raccontando in un libro, “Portati ‘o pigiama”, l’esperienza della lotta alla camorra. Successivamente Masciopinto è passato alla polizia postale, nelle vesti di direttore del settore investigativo, per poi assumere la direzione delle relazioni esterne e della comunicazione del Dipartimento della Polizia di Stato. Masciopinto è stato inoltre fra i fondatori del Siulp, il primo sindacato per nascita del personale della Polizia di Stato, diventandone segretario a Napoli, e poi per la Campania. Stamani il nuovo questore ha preferito non rilasciare dichiarazioni ufficiali ai giornalisti. Certamente ce ne sarà occasione nei prossimi giorni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento