rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Check-in illegale pagato in contanti: impiegata e passeggera denunciate

Lo scambio di denaro è avvenuto "senza seguire i passaggi di rito", non pagando il supplemento di circa 60 euro previsto nella circostanza

BRINDISI - L'atteggiamento di un'impiegata aeroportuale, nei giorni scorsi, ha fatto insospettire gli agenti della polizia di frontiera presenti nell'aeroporto di Brindisi. 

La medesima impiegata è stata notata mentre intascava del denaro da una passeggera, anziché ricevere il pagamento con carta di credito o bancomat, come previsto da regolamento.

Nello specifico, l'atto riguardava lo svolgimento delle operazioni di check-in per una donna francese, che dall'aeroporto locale doveva recarsi (con volo diretto) a quello di Milano-Malpensa. 

Gli agenti, dunque, hanno immediatamente bloccato l'operazione, accertando che la passeggera in questione non aveva eseguito il check-in on-line per imbarcarsi, e che l’impiegata aeroportuale, dietro compenso di denaro, le aveva effettuato la registrazione e rilasciato la relativa carta d’imbarco.

Tale operazione risulta del tutto illegale, in quanto i passeggeri che non hanno effettuato il check-in on-line nei tempi stabiliti, ossia fino a due ore prima della partenza del volo, hanno la possibilità di fare l’operazione in aeroporto pagando, però, il supplemento di circa sessanta euro.

Quindi, l’operatrice e la passeggera sono state indagate in stato di libertà e segnalate, per induzione indebita a dare o promettere utilità, alla procura della Repubblica di Brindisi: la prima, quale incaricato di un pubblico servizio, per aver chiesto ed intascato indebitamente del denaro anziché far confluire il pagamento nelle casse della società da cui dipende, e la seconda per aver accettato l’illecita richiesta, traendone un vantaggio, risparmiando di pagare il previsto supplemento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Check-in illegale pagato in contanti: impiegata e passeggera denunciate

BrindisiReport è in caricamento