rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Cronaca Cisternino

"Hanno sparato ad Angelo": il volontario Enpa presenta denuncia ma si dimette

La storia drammatica del cane randagio deceduto a Cisternino lo scorso 11 luglio per il quale l'Enpa nazionale, tramite il proprio ufficio legale, è pronto ad andare fino in fondo

CISTERNINO - La conferma è arrivata dall'esame autoptico: qualcuno ha sparato ad Angelo, un cane randagio che sostava in contrada Sisto a Cisternino, e preso dallo spavento è fuggito in strada dove è stato investito e lasciato sanguinante fino all'arrivo di Giancarlo Rizzo, volontario dell'Enpa, che alcuni giorni fa ha presentato denuncia contro ignoti presso la stazione carabinieri di Ostuni. Saranno le indagini a risalire all'autore dello sparo e al motivo ma intanto, sconfortato, lo stesso Rizzo ha rassegnato le dimissioni da delegato Enpa di Cisternino.

"Non si può svolgere attività di volontariato li dove le istituzioni non mostrano interesse o lo hanno mostrato solo, dopo la figura a livello nazionale per la morte, per mano di un vigliacco - scrive Rizzo sulla sua pagina Facebook - . Non è possibile che di fronte a tutto ciò sia stato tollerato di tutto, tra cui minacce verbali al sottoscritto o una contrada che si sente offesa dalle mie parole scritte ancora con le mani insanguinate mentre portavo correndo in clinica una creatura morente e innocente." "A Cisternino, come il resto di gran parte del sud Italia - continua - non vi sono le basi minime per proseguire un cammino pieno di speranze da parte mia che si sono infrante nel solito muro di gomma di amministrazioni che stentano a comprendere quello che un singolo volontario possa fare .

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hanno sparato ad Angelo": il volontario Enpa presenta denuncia ma si dimette

BrindisiReport è in caricamento