menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luciano Parisi

Luciano Parisi

Coca, il corriere andava in Toscana

SAN PIETRO VERNTICO – Sarà ascoltato lunedì alle dieci e trenta dal giudice per le indagini preliminari Paola Liaci, il 46enne di origini sanpietrane Luciano Parisi arrestato venerdì mattina perché trovato in possesso di un chilo e mezzo di droga. Alla presenza del suo legale di fiducia avvocato Massimo Manfreda dovrà difendersi dall'accusa di trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

SAN PIETRO VERNOTICO - Sarà ascoltato lunedì alle dieci e trenta dal giudice per le indagini preliminari Paola Liaci, il 46enne di origini sanpietrane Luciano Parisi arrestato venerdì mattina perché trovato in possesso di un chilo e mezzo di droga. Alla presenza del suo legale di fiducia avvocato Massimo Manfreda dovrà difendersi dall'accusa di trasporto e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Parisi da quanto è stato accertato stava rientrando a Villafranca in Lunigiana (Massa Carrara) dove vive da anni e lavora come commerciante. Il suo arresto è avvenuto in flagranza di reato quando nella tarda mattinata di venerdì scorso i carabinieri della stazione di San Pietro, guidata dal maresciallo Giuseppe Pisani, lo hanno sorpreso mentre si aggirava per le vie del paese a bordo del suo Maggiolone New Beetle con atteggiamento sospetto.

I militari lo hanno pedinato fino a quando non ha imboccato la superstrada 613 Lecce-Brindisi, nel frattempo hanno allertato i colleghi del Nucleo radiomobile. Parisi è stato fermato poco dopo sulla 379 (la Brindisi-Bari) in località Jaddico.

Anche al controllo il 46enne ha assunto un atteggiamento nervoso e disorientato, mostrando evidenti segni di insofferenza. È stato quindi accompagnato in caserma per essere sottoposto a ulteriore perquisizione. Addosso aveva 1165 euro in contanti e un involucro di cellophane contente 1,6 grammi di cocaina.

La perquisizione è stata quindi estesa all'autovettura. Nel frattempo sono stati allertati i colleghi del reparto cinofili di Modugno (Ba) ma il loro intervento non si è più reso necessario perchè il 46enne, rendendosi conto che non avrebbe avuto via di scampo, ha rivelato di possedere altra sostanza stupefacente nascosta in un'intercapedine tra la carrozzeria e i fari posteriori.

E infatti negli alloggiamenti dei fanali sono stati trovati due involucri di plastica contenenti rispettivamente 525 grammi e 540 grammi di marijuana, nonché altri cinque involucri di cellophane, sigillati con del nastro adesivo, contenenti complessivamente 543,11 grammi di cocaina.

La droga (544,71 grammi di cocaina e1,065 grammi di marijuana) e il denaro contante, ritenuto provento di attività illecita, sono stati sottoposti a sequestro. Parisi su disposizione del pubblico ministero di turno Valeria Farina Valaori è stato rinchiuso nel carcere di Brindisi in attesa dell'interrogatorio di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

  • Attualità

    Presentato "Take It Slow", il turismo che unisce esperienze e comunità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento