Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Cocaina in casa e bombe carta nell'auto: arrestati padre e figlio

La scoperta è stata fatta nell'ambito di mirati servizi di controllo del territorio unitamente alle unità cinofile del Corpo 

OSTUNI - Padre e figlio di Ostuni, di 60 e 28 anni, F.F. ed F.F. sono stati arrestati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Brindisi perchè trovati con cocaina e ordigni artigianali già confezionati e pronti per esplodere. La scoperta è stata fatta nell'ambito di mirati servizi di controllo del territorio operati unitamente alle unità cinofile del Corpo.  

In casa di uno dei due sono stati trovati 13 grammi di cocaina confezionata in dosi ed un bilancino di precisione. All’interno del bagaglio dell’auto, in uso al padre, invece, due pericolosi manufatti esplosivi del peso complessivo di oltre 1 chilogrammo. Si tratta di vere e proprie bombe carta ad alto potenziale pronte a esplodere. 

I due sono stati arrestati per possesso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e possesso di materiale esplosivo non autorizzato e trasferiti presso la casa circondariale di Brindisi. L’esplosivo è stato fatto brillare dal Nucleo Artificieri e Antisabotaggio della Questura di Brindisi, in una cava in San Vito dei Normanni. 

I due avrebbero spiegato che si tratta di ordigni che avrebbero fatto epslodere la notte di Capodanno per festeggiare l'arrivo del nuovo anno ma la giustificazione fornita non ha convinto i finanzieri che hanno avviato le indagini per fare chiarezza sul ritrovamento 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina in casa e bombe carta nell'auto: arrestati padre e figlio

BrindisiReport è in caricamento