Cronaca

Coinvolto in blitz contro la Scu, dai domiciliari va in carcere

Il 34enne era stato già arrestato nel 2017 durante l'operazione "Omega bis" insieme ad altri 49 soggetti

MESAGNE - Dai domiciliari va in carcere un mesagnese coinvolto in un blitz del 2017. A Squinzano (Lecce), i carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Brindisi hanno eseguito un'ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale del Riesame di Lecce, nei confronti di Cristian Gennari, 34enne residente a Squinzano ma originario di Mesagne, in atto sottoposto alla misura degli arresti domiciliari nell'ambito del medesimo procedimento penale, per il quale è stato già tratto in arresto per il reato di associazione di tipo mafioso insieme ad altri 49 soggetti nel corso dell’operazione "Omega bis". Il provvedimento è scaturito a seguito dell'accoglimento dell'appello proposto dal pm della Procura della Repubblica di Lecce avverso l'ordinanza della Corte d'Appello di Lecce del 31 luglio 2020 con la quale aveva disposto la sostituzione della misura cautelare in carcere con gli arresti domiciliari. L'arrestato, espletate le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coinvolto in blitz contro la Scu, dai domiciliari va in carcere

BrindisiReport è in caricamento