rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Via San Leucio

Colpi di pistola contro l'auto di un imprenditore: indagano i carabinieri

Almeno tre colpi di pistola sono stati esplosi contro la Bmw intestata a un imprenditore edile di Brindisi. L'auto si trovava parcheggiata a pochi passi dall'abitazione della vittima in via San Leucio, strada di collegamento fra via Osanna e il vecchio ospedale Di Summa

BRINDISI – Almeno tre colpi di pistola sono stati esplosi contro la Bmw intestata a un imprenditore edile di Brindisi. L'auto si trovava parcheggiata a pochi passi dall'abitazione della vittima in via San Leucio, strada di collegamento fra via Osanna e il vecchio  ospedale Di Summa.

Una pattuglia di carabinieri è intervenuta sul posto poco prima della mezzanotte di martedì (21 ottobre), su richiesta di un residente. Sull’auto sono stati trovati tre fori di proiettile che hanno danneggiato la carrozzeria e mandato in frantumi un vetro. Per terra non c’erano bossoli. Questo può avere una duplice spiegazione: o è stato utilizzato un revolver con caricatore a tamburo, che quindi non rilascia bossoli; o gli stessi bossoli sono stati rimossi dagli autori del fatto.Via San Leucio-3

Il veicolo si trova adesso sotto sequestro. Le ogive non sono ancora state estratte. Gli investigatori stanno cercando di capire se dietro questo episodio possano esserci eventuali problemi aziendali, visto il deposito dell'azienda, pochi mesi fa, ha subito un incendio di accertata origine accidentale nella zona industriale di Brindisi. 

PRECISAZIONE - A differenza di quanto riportato in una precedente versione dell'articolo, si precisa che il figlio dell'intestatario dell'auto non ha nulla a che fare con il locale 0831. L'errore è stato indotto da un caso di omonimia. Non appena ci siamo resi conto dell'informazione inesatta, fra l'altro, abbiamo subito provveduto a rimuovere ogni riferimento al locale in questione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpi di pistola contro l'auto di un imprenditore: indagano i carabinieri

BrindisiReport è in caricamento