Come "proteggo" il posto degli invalidi

BRINDISI - "Questa mattina una persona mi ha informato di essersi guadagnato una contravvenzione per aver parcheggiato in un luogo non consentito. Al dolore del danno economico, univa l'irritazione della diversa valutazione e comportamento riservato al mezzo della protezione civile, al quale non era stata applicata alcuna sanzione, pur essendo parcheggiato nello stallo riservato agli invalidi, a non molta distanza dalla sua auto".

Il furgone della Protezione civile sul posto auto riservato ai portatori di handicap

BRINDISI - "Questa mattina una persona mi  ha informato di essersi  guadagnato una contravvenzione per aver parcheggiato in un luogo non consentito. Al dolore del danno economico,  univa l'irritazione della diversa  valutazione e comportamento riservato al mezzo della protezione civile, al quale non era stata applicata alcuna sanzione, pur essendo   parcheggiato nello stallo riservato agli invalidi, a non molta distanza dalla sua auto".

Chi racconta la vicenda è l'ex consigliere comunale del Pd Enzo Albano, che non ha smesso di interessarsi dei problemi della città nella veste di dirigente cittadino del proprio partito e di esponente di Left. "Vi invio le  foto trasmesse, vi risparmio tutta la serie di commenti sul significato  di protezione civile", dice Albano. Ma forse non ha capito una cosa: il furgone della protezione civile era lì proprio per proteggere il posto auto riservato ai diversamente abili, altrimenti qualcuno avrebbe potuto approfittarne.

saluti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

Torna su
BrindisiReport è in caricamento