Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Cellino San Marco

L’ex assessore: “Mai ricevuto mazzette, quando si vedevano io giocavo a pallone”

Processo ordinario “Do ut des”, Vitali e Iurlaro nella lista testi della difesa. In aula anche l’altro imputato, Tommaso Ricchiuto, presidente protempore Igeco. Il pm Costantini chiede l’ascolto dell’ex sindaco Cascione e degli altri amministratori arrestati

BRINDISI – Ci sono anche i vertici di Forza Italia, Luigi Vitali e Pietro Iurlaro fra i 50 nominativi che compongono le liste dei testimoni depositate dagli avvocati difensori degli imputati nel processo ordinario scaturito dall’inchiesta sul Comune di Cellino San Marco, l’operazione  “Do ut des” dei carabinieri del comando provinciale e della procura di Brindisi lo scorso 10 aprile decapitò l’amministrazione cittadina di centrodestra, guidata dal sindaco Francesco Cascione, arrestato con l’accusa di aver promosso un’associazione per delinquere che avrebbe pilotato alcuni appalti pubblici, anche in concorso con imprenditori privati.

Tommaso Ricchiuto-2L’ascolto del commissario regionale degli “azzurri” e del senatore (passato recentemente al Gruppo misto), l’uno e l’altro di Francavilla Fontana, è stato chiesto per l’ex assessore ai Servizi sociali del Comune di Cellino San Marco, Gabriele Elia, 32 anni, che ha optato per il dibattimento. Processo ordinario anche per Tommaso Ricchiuto, 70 anni, presidente pro tempore del consiglio di amministrazione della società Igeco (socio di maggioranza di Bocche di Puglia, partecipata dal Comune di Brindisi), ritenuto dalla Procura amministratore di fatto della Spa, e per Alfredo Bruno, 58 anni, responsabile tecnico della stessa Igeco.

Tutti e tre gli imputati questa mattina erano in aula, seduti accanto agli avvocati difensori Viviana Labbruzzo e Luigi Covella per la coppia Ricchiuto-Bruno, e Giancarlo Camassa. E hanno rinnovato la volontà di sostenere l’esame per chiarire la propria posizione, perché si professano innocenti rispetto alle accuse mosse dal sostituto procuratore Antonio Costantino, sulla base “dell’evidenza della prova, all’esito delle indagini svolte” dai carabinieri.

gabriele eliaL’ex assessore è l’unico dei tre a essere ristretto ai domiciliari, mentre gli altri due sono stati rimessi in libertà dalla Corte di Cassazione lo scorso 24 settembre per mancanza delle esigenze cautelari. Elia, ex componente della giunta municipale, è accusato di corruzione in relazione all’appalto per il servizio di nettezza urbana e alla procedura negoziale per l’affidamento del servizio di energia riguardante gli immobili e gli impianti comunali.

“Il mio assistito non era presente alle riunioni che si sarebbero svolte ogni domenica”, ha anticipato in udienza l’avvocato Camassa. “Era a giocare a pallone e lo dimostreremo”. Ricchiuto e Bruno sono accusati – in concorso – di corruzione in relazione agli incarichi ricoperti in seno alla Igeco Costruzioni Spa, “società che si era aggiudicata in via definitiva l’appalto per i servizi di igiene urbana nel comune di Cellino, per l’importo di tre milioni e 397.844,01 euro, anche all’esito del contenzioso amministrativo che l’aveva visto opposta alla prima aggiudicataria Gialplast”.

Le dazioni di denaro sarebbero state pari a “ventimila euro ogni tre-quattro mesi” e sarebbero state “promesse”, stando all’impostazione accusatoria. La somma, poi, sarebbe stata versata“concretamente su incarico di Ricchiuto da Bruno per mezzo del contatto diretto avvenuto con Cascione”, quest’ultimo in attesa di patteggiare la pena chiesta dal suo difensore di fiducia, Giuseppe Guastella.

L’ex sindaco figura tra i testi citati dal pm assieme agli altri che hanno scelto di patteggiare , Francesco Francavilla, titolare di un chiosco per alimenti; Omero Molendini, “consulente non retribuito del Comune e referente politico di rilievo” e Gianfranco Quarta, ex assessore alle Attività produttive , assieme ai due che hanno preferito il processo con rito abbreviato, Corrado Prisco, ex vice sindaco con delega ai Lavori Pubblici e Gianfranco Pezzuto, ex assessore al Bilancio,

cascione 2-2Ricchiuto e Bruno, inoltre, “promettevano l’assunzione a tempo pieno di due lavoratori” part-time “affinché tutti si adoperassero ad omettere o a fattivamente compiere plurimi atti contrari comunque imputabili all’amministrazione comunale di Cellino e in particolare per ricevere illeciti vantaggi personali e in favore della Igeco”, si legge nel capo di imputazione.

“Illeciti vantaggi – è scritto – da conseguirsi attraverso la nomina di un direttore dell’esecuzione del contratto a loro gradito, attraverso la conseguente omessa contestazione di inadempienze nell’espletamento del servizio”. Secondo il pm, le “circostanze” sarebbe state “anche implicitamente promesse e realizzate con la nomina” di un professionista avvenuta il 22 marzo 2013.

Igeco “attraverso la predisposizione di atti amministrativi illegittimi ovvero omessi comunque imputabili al Comune” avrebbe usato dei “terreni urbanisticamente incompatibili rispetto alla allocazione del centro raccolta materiali” che, stando a quanto stabilito nel bando di gara “era onere della stessa società offerente realizzare e organizzare tanto da necessitare, della predisposizione di un idoneo progetto e da ricevere specifici punteggi da parte della commissione”.

Tutto questo sarebbe stato possibile “attraverso l’illecito aumento del canone da corrispondere alla società aggiudicataria dell’appalto”. La documentazione acquisita in fase di indagine ha portato il pm a sostenere che ci sia stato un “incremento dei servizi nella misura annua di 34mila euro oltre Iva, corrispondente a circa il 5 per cento dell’importo mensile di 56.630,73 euro, in palese violazione del principio di immodificabilità dell’oggetto del contratto”.

“Promesse fatte e accettate in Cellino San Marco, in data precedente e prossima al 27 aprile 2013, presso la tenuta Carrisi (la famiglia è ovviamente assolutamente estranea all’inchiesta, ndr), a Lecce il 2 luglio davanti a un bar di via Zanardelli, e dazioni avvenute presso lo studio legale di Cascione, a San Pietro Vernotico, tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio 2014 e l’aprile dello stesso anno”. I difensori hanno chiesto una perizia per la trascrizione delle intercettazioni telefoniche e ambientali: l’incarico è stato affidato oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’ex assessore: “Mai ricevuto mazzette, quando si vedevano io giocavo a pallone”

BrindisiReport è in caricamento