menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Corso Garibaldi

Corso Garibaldi

"Corso Garibaldi aperto al traffico, errore clamoroso"

Il comitato dei Mille che ne chiede la chiusura. L'ordinanza con cui venne riaperto è in contrasto con quanto previsto nel Piano urbano della mobilità

Dal Comitato de I Mille di Corso Garibaldi riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa sulla decisione dell'Amministrazione comunale di Brindisi di non ripristinare la chiusura del tratto finale dei corsi principali in Centro.

BRINDISI  - Il comitato “I Mille di Corso Garibaldi” apprende con profonda amarezza la decisione emersa dalla maggioranza Carluccio, di essere contraria al ripristino della chiusura di Corso Garibaldi.
Rimarcando il nostro disorientamento nel comportamento del Sindaco, sempre ben attento ad evitare ogni contatto con un gruppo cospicuo di cittadini che chiedono solo una città più europea ed evoluta, non possiamo che annotare come, ieri 14 Ottobre, una parte politica della città abbia deciso di perdere un’altra grande occasione.

Fermo restando che la nostra visione di città vede una Brindisi più pulita e decorosa, e che non tutti i rappresentanti politici sono ancora pronti a liberare la nostra città da posizioni che assomigliano a delle metastasi, pensiamo che ieri siano stati stravolti i principi della democrazia dal momento che, uno dei consiglieri comunali di maggioranza, ha giustificato la sua posizione, adducendo a una raccolta firma da parte dei commercianti al loro interno (numero pari 99, curiosamente le attività commerciali non giustificano questi numeri). Difatti il Consigliere sembra aver dimenticato che solo quattro anni fa vennero raccolte quattromila firme esprimenti il desiderio di avere un Corso Garibaldi pulito, che proponesse a bambini e turisti il lato migliore della città. A questo consigliere chiediamo, per Lei ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie C?

Oltre a questi elementi, vi è da dire che l’ordinanza sindacale con cui venne riaperto il Corso, è in netto contrasto con quanto previsto dal Pum (Piano urbano della mobilità), il quale può essere bypassato solo per situazioni estreme ( es. lavori su arterie stradali) per periodi limitati nel tempo. Se dovesse esser confermata tale posizione, rimarcata ieri dal consigliere Rossi, risulterebbe alquanto straordinario come due maggioranze consiliari, Consales e Carluccio, abbiano tollerato un errore amministrativo così clamoroso. A chi giova una svista così grave?

In attesa di ulteriori sviluppi, il gruppo dei Mille ringrazia tutte le forze politiche che ieri hanno espresso sensibilità e lungimiranza su Corso Garibaldi, emblema di una parte della città che continua a vivere nel passato ai danni dell’intera comunità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento