Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Si commemora domani finanziere morto sulla 379 durante un inseguimento

La Guardia di Finanza ricorda domani 5 novembre, a Ostuni, il finanziere scelto Fabio Perissinotto Medaglia d’Oro al Valor Civile. Perissinotto, 30 anni, perse la vita durante un in seguimento avvenuto la sera del 4 novembre del 2002, tra due pattuglie della compagnia di Ostuni delle “fiamme gialle” a bordo di Alfa 156 e una Lancia Thema condotta da un collaboratore di giustizia

OSTUNI – La Guardia di Finanza ricorda domani 5 novembre, a Ostuni, il finanziere scelto Fabio Perissinotto Medaglia d’Oro al Valor Civile. Perissinotto, 30 anni, perse la vita durante un in seguimento avvenuto la sera del 4 novembre del 2002, tra due pattuglie della compagnia di Ostuni delle “fiamme gialle” a bordo di Alfa 156 e una Lancia Thema condotta da un collaboratore di giustizia che due giorni prima aveva abbandonato senza permesso la località protetta assegnatagli dal Viminale, Salvatore Massaro.

La Lancia Thema poco prima aveva ignorato l’alt dei finanzieri: l’auto era frutto di una rapina compiuta nel piazzale del Santuario di Iaddico, dove il pentito aveva minacciato il proprietario con un coltello facendosi consegnare la vettura, ed iniziando la fuga in direzione nord, lungo la superstrada 379, dove poi era stato intercettato dalle pattuglie. La Thema, all’altezza di Specchiolla, era finita fuori controllo ponendosi di traverso sulla carreggiata.

Fabio Perissinotto-2Nel tentativo di evitare l’impatto, una delle auto di servizio dei baschi verdi era finita contro una Peugeot 307 in transito, mentre l’altra con a bordo Perissinotto, originario di Roma, e i colleghi Giuseppe Gamuzza di Enna, di 32 anni, Pierluigi Orlando di 31 anni, pure di Roma, e Domenico D’Alessandro di 27 anni, finì oltre il guardrail accartocciandosi nella profonda cunetta laterale. Fabio Perissinotto morì poco dopo il ricovero in rianimazione, gli altri finanzieri, pur in gravi condizioni, sopravvissero.

Salvatore Massaro, ex esponente della Scu, fu catturato dalla polizia il 5 novembre, confessò la rapina dell’auto e si dichiarò dispiaciuto per la morte del finanziare romano. Ai funerali di Fabio Perissinotto , celebrati nella cattedrale di Brindisi partecipò, il 6 novembre, l’allora ministro dell’Economia e delle Finanze, Giulio Tremonti.

La commemorazione di domani mattina avrà inizio alle 10, e si svolgerà nella chiesa parrocchiale S. Maria Madre della Chiesa di Ostuni, alla presenza del comandante provinciale di Brindisi, colonnello Maurizio De Panfilis.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si commemora domani finanziere morto sulla 379 durante un inseguimento

BrindisiReport è in caricamento