menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fasano, caserma Guardia di Finanza

Fasano, caserma Guardia di Finanza

"Comprava senza Iva, vendeva in nero"

FASANO – Ha usufruito dell'esenzione Iva prevista per chi acquista merce per rivenderla all'estero ma poi ha ceduto tutto sul mercato italiano, ma in nero, evadendo - secondo la polizia tributaria - il fisco per oltre dieci milioni di euro.

FASANO - Ha usufruito dell'esenzione Iva prevista per chi acquista merce per rivenderla all'estero ma poi ha ceduto tutto sul mercato italiano, ma in nero, evadendo - secondo la polizia tributaria - il fisco per oltre dieci milioni di euro. Si tratta di un imprenditore di Fasano titolare di un'azienda operante nel settore del commercio all'ingrosso di bevande e alimenti. È stato denunciato dai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Fasano, al comando del tenente Biagio Palmieri, per omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali.

Il meccanismo utilizzato dall'imprenditore fasanese si riferisce alle agevolazioni previste per il settore di import-export che permettono a chi acquista per rivendere all'estero l'esenzione dell'Iva, previo rilascio della cosiddetta "comunicazione d'intento". Si tratta di una dichiarazione lasciata ai fornitori che viene, poi, trasmessa all'Agenzia delle Entrate. L'evasore in questione dal 2005 al 2008, da quanto hanno accertato gli uomini di Palmieri, operndo come esportatore di bibite e generi alimentari, ha acquistato bevande per un valore complessivo di sei milioni e mezzo di euro rilasciando, quindi, false dichiarazioni di intento.

All'acquisto, infatti, non è seguita la relativa vendita all'estero. La ditta individuale nata proprio per usufruire di questa agevolazione è scomparsa per essere sostituita da una normale azienda di vendita all'ingrosso. Da quanto è stato accertato dalle fiamme gialle le bevande sono state cedute a terzi, sul territorio italiano, completamente in nero. Attraverso uno studio sugli acquisti e sui presunti ricavi i finanzieri hanno accertato che l'imprenditore in questione non ha dichiarato ricavi per oltre nove milioni di euro e ha evaso Iva per due milioni.

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento