menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune di Brindisi, Mirella Destino in pensione dopo 41 anni

Il dirigente lascerà il primo luglio, al suo posto Maria Melania Petrarolo di Busto Arsizio: unica candidata alla mobilità

BRINDISI – Oltre quarant’anni di servizio negli uffici di Palazzo di città. Praticamente una vita al Comune di Brindisi dal lontano 1976. Per Mirella Destino, dirigente del settore Finanziario, è arrivato il momento della pensione: potrà godersi il meritato riposo a partire dal prossimo primo luglio.

Il saluto del dirigente

mirella destino comune br-3Fra due mesi, Destino (nella foto accanto) avrà maturato esattamente 41 anni, dieci mesi e 27 giorni di lavoro, stando al conteggio svolto dai funzionari dell’ufficio Risorse Umane del Comune di Brindisi. La contabilità dei giorni è partita a far data dal tre maggio 1976, primo giorno di lavoro per Mirella Destino, ragioniera, assunta dopo aver superato le prove del concorso allora indetto dall’Amministrazione cittadina.

Era giovanissima. Tra i più giovani dipendenti del Comune. Aveva appena 24 anni. Oggi Destino, dirigente di uno dei settori chiave di Palazzo di città, ha maturato il diritto ad andare in pensione anticipata, raggiungendo il limite contributivo prescritto dalle disposizioni di legge.  E per questo, tramite patronato, ha presentato domanda telematicamente, ottenendo il via libera dal Comune di Brindisi, con determina firmata dal collega Angelo Roma.

Il provvedimento, nei giorni scorsi, è stato trasmesso all’Inps, ex gestione Inpdap, dalla ditta Intelliform, la spa che elabora per conto del Comune, i conteggi per il trattamento pensionistico.

La new entry a Palazzo di città

Chi prenderà il posto del dirigente Destino? Per riempire la casella che rimarrà scoperta a breve, l’Ente ha indetto la procedura di mobilità per la “copertura di un posto di funzionario di categoria giuridica D3, con specifiche competenze economico-finanziarie”.  Forse a Palazzo di città qualcuno si aspettava diverse domande, invece a presentare istanza è stata una sola candidata: si chiama Maria Melania Petrarolo e arriva dal Comune di Busto Arsizio, in provincia di Varese. Ha conseguito un punteggio non inferiore a 60 anni, come previsto dall’avviso pubblico del primo dicembre 2017.

A distanza di un anno, è stata nominata la commissione giudicatrice, così composta: Mirella Destino come presidente, Cristiana Mele e Angelo Ventola, come componenti interni esperti e Giuseppe Conforto, in qualità di segretario. La procedura selettiva si è svolta il 26 marzo scorso e Petrarolo ha conseguito l’idoneità. Più esattamente, la candidata ha riportato il punteggio di 26 su 50 nel colloquio individuale, 28 su 50 in quello di gruppo, mentre per la valutazione dei titoli le è stato assegnato il punteggio pari a 21,5, per un totale di 75,5 sul complessivo di 100.

Di conseguenza, via libera alla staffetta per il settore Finanziario, dal quale dipende la composizione del bilancio del Comune, fra entrate e uscite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento