menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comune di Brindisi, uffici senza luce: computer spenti, disagi per l’utenza

Enel sospende la fornitura di energia elettrica per eseguire lavori dalle 8 sino alle 13

BRINDISI – Nella città della centrale Enel, gli uffici del Comune sono senza luce da questa mattina (martedì 18 settembre 2018): computer spenti dalle 9, lavoro notevolmente ridimensionato e, di conseguenza, disagi per l’utenza. Sarà così sino alle 13, salvo diverse comunicazioni della società elettrica.

La sospensione temporanea della fornitura di energia è stata disposta per consentire l’esecuzione di interventi sulla linea elettrica che serve la zona del Centro di Brindisi, compresi gli uffici di Palazzo di città. Al momento isolati. Niente internet, ovviamente. Impossibile il collegamento con altri uffici pubblici e non quelli della Protezione civile, gli unici a essere rimasti operativi.

Gli interventi, come spiegano da Palazzo di città, erano programmati e per questo comunicati per tempo. Ma qualcuno tra gli stessi dipendenti del Comune e tra i consiglieri (quelli di opposizione) pone una domanda: Se erano programmati, se cioè l’Amministrazione ne era a conoscenza, per quale motivo non c’è stata alcuna organizzazione conseguente per garantire comunque i servizi all’utenza? Non è possibile che ci si trovi di fronte a una mattinata di black out nella città che ospita da anni la centrale di Cerano. Paradosso tutto brindisino, in verità non nuovo.

Dal Comune precisano che si tratta di una situazione eccezionale e temporanea e che la fornitura potrebbe essere ripristinata anche prima delle 13. “Bisogna avere un po’ di pazienza”. Pazienza dovranno averne anche i residenti e i titolari delle attività commerciali della zona Centro, anche loro rimasti senza corrente elettrica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento