menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Brindisi

Il carcere di Brindisi

Concerto in carcere dei Fabbrica Folk

BRINDISI – “Voi non siete per niente invisibili”, è con questo messaggio che il gruppo salentino Fabbrica Folk, si esibirà gratuitamente domani alle 17 ne carcere di Brindisi.

BRINDISI - "Voi non siete per niente invisibili", è con questo messaggio che il gruppo salentino Fabbrica Folk, si esibirà gratuitamente domani alle 17 nella Chiesa del carcere di via Appia a Brindisi, alla presenza di tutti i detenuti. Un'iniziativa fortemente voluta dall'amministrazione dell'istituto circondariale brindisino che ha trovato subito il consenso della band salentina.

"Il concerto in acustico ha lo scopo di accendere un faro sulle condizioni di vita precarie all'interno degli istituti di pena - si legge in una nota inviata dal gruppo - l 'Italia è il Paese con le carceri più sovraffollate dell'Unione Europea. Ci sono 140 detenuti ogni cento posti, mentre il tasso d'affollamento medio in Europa è del 99,6 per cento. Inoltre, nel 2012 i morti in carcere sono stati già 93, di cui 50 per suicidio".

"Eppure nonostante la gravità del problema segnalato anche dalla Corte Europea dei Diritti Umani, pronta a condannare l'Italia qualora non dovesse trovare una soluzione, il tutto continua a essere ignorato e disatteso dalle Istituzioni. Il nostro impegno è regalare ai detenuti e al personale almeno un'ora di sana 'evasione' con la nostra musica e il messaggio che gli vogliamo donare è senza dubbio: voi non siete per niente invisibili".

Il gruppo Fabbrica Folk è nato nel 2011 dall'ispirazione di sette musicisti provenienti da universi stilistici ed espressivi variegati ma uniti da una sola esigenza: "scandagliare le radici della tradizione Salentina per carpirne le sfumature e i linguaggi strumentali che fanno della musica un "non luogo" geografico".

Questa la band: Davide Marangio, di San Pietro Vernotico 28anni, voce e chitarra; Davide Cafueri, 26 anni di Latiano, voce e organetto; Giuseppe Ciancia, di Sternatia, 32 anni, percussioni, Antonio Donadeo, di Tricase 29 anni, batteria; Carlo Cazzato, Tricase 30 anni, basso elettrico; Roberto Gemma, Lecce 50 anni, fisarmonica; Roberto Gagliardi, di Lecce 50 anni, sax e Gianluca Longo, 36 anni di Torchiarolo, mandola e mandolino.

Per l'iniziativa di domani il gruppo Fabbrica Folk eseguirà i brani più famosi del repertorio popolare salentino rivisitati in chiave cantautorale tra cui uno dei brani più celebri "Li Carciri te Lecce" oltre ad alcuni brani di Domenico Modugno che trattano il tema della disuguaglianza sociale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento