Cronaca Latiano

A un anno dalla rapina in tabaccheria arriva la pena definitiva da scontare

Non è passato neppure un anno da quella rapina, e il conto definitivo è già stato presentato a un 28enne di Latiano, Vincenzo Librale, che il 20 novembre del 2014 aveva effettuato col fratello e un altro giovane, entrambi appena diciottenni, una rapina nella tabaccheria Dell’Atti di via Torre, a Mesagne

LATIANO – Non è passato neppure un anno da quella rapina, e il conto definitivo è già stato presentato a un 28enne di Latiano, Vincenzo Librale, che il 20 novembre del 2014 aveva effettuato col fratello e un altro giovane, entrambi appena diciottenni, una rapina nella tabaccheria Dell’Atti di via Torre, a Mesagne. Il bottino di 900 euro e di alcune decine di pacchetti di sigarette,  mentre il tabaccaio veniva tenuto sotto la minaccia di una pistola.

Ma i tre erano rapinatori improvvisati. Commissariato e stazione carabinieri di Mesagne reagirono immediatamente distribuendo varie pattuglie in città. Il più giovane dei fratelli fu bloccato poco dopo dai poliziotti mentre era al voltante dell’Alfa 147 usata per il colpo. In auto c’erano la patente del fratello e il cellulare del terzo complice.

L’altro dei Librale fu catturato dai carabinieri in un’altra via di Mesagne, armato e con il bottino. L’altro 18enne, ormai scoperto, si costituì il 21 novembre ai carabinieri di Latiano. Gli stessi che hanno notificato ieri a Vincenzo Librale un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, per espiare una pena di due anni e 4 mesi di reclusione. Il giovane è stato trasferito al carcere di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A un anno dalla rapina in tabaccheria arriva la pena definitiva da scontare

BrindisiReport è in caricamento