menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga e armi da guerra: un uomo in carcere per scontare la pena

Deve scontare la parte residua di una condanna a 20 anni un 67enne coinvolto nel 2014 in un'operazione della Dda di Lecce

OSTUNI - Detenzione di armi da guerra, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e detenzione illecita di stupefacenti: questi i reati per cui il 67enne Ferruccio Balestrieri, originario di Taranto e residente a Ostuni, dovrà scontare in carcere la parte residua di una condanna a 20 anni di reclusione. Il conto della giustizia gli è stato recapitato tramite un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura generale della Corte d’Appello di Lecce. Il provvedimento restrittivo gli è stato notificato dai carabinieri della stazione della Città Bianca. 

La condanna è riconducibile all’operazione denominata “Neve Tarantina” del comando provinciale carabinieri di Taranto che nel gennaio del 2014 portò all’esecuzione di 30 provvedimenti cautelari dei quali 17 in carcere, emessi dal gip del tribunale di Lecce su richiesta del procuratore della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo salentino. 

Nel corso dell’attività investigativa furono individuati i canali di rifornimento dello stupefacente nella città jonica, uno proveniente dalla Colombia attraverso la Spagna, uno dal quartiere Japigia di Bari e il terzo da Gioia Tauro tramite le famiglie calabresi e lucane. Gli inquirenti scoprirono inoltre una sorta di laboratorio utilizzato per il taglio dello stupefacente e nel corso delle perquisizioni furono rinvenute anche delle armi. L’arrestato, dopo l’espletamento delle formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Brindisi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento