menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preso con 7 quintali di marijuana sul gommone: 4 anni a brindisino

Erano stati intercettati, lo scorso 10 dicembre, al largo di Otranto, su un natante che nascondeva a bordo ben 761 chili di marijuana. Droga che di lì a poco avrebbe raggiunto le sponde del Salento, per rifornire il mercato degli stupefacenti

LECCE – (da LeccePrima) Erano stati intercettati, lo scorso 10 dicembre, al largo di Otranto, su un natante che nascondeva a bordo ben 761 chili di marijuana. Droga che di lì a poco avrebbe raggiunto le sponde del Salento, per rifornire il mercato degli stupefacenti. Nella rete dei controlli della Guardia di finanza erano finiti in due: Cosimo Pellegrino, 68enne di Brindisi, ed Enjullush Mukaj, 28enne albanese, arrestati con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I due arrestati erano a bordo di un gommone su cui era custodito il prezioso carico, dal valore di circa sette milioni di euro. Oggi, i due protagonisti di uno dei tanti maxi sequestri di droga operati dalle fiamme gialle a cavallo tra il 2016 e il 2017, hanno chiuso i conti con la giustizia patteggiando una condanna a quattro anni di carcere. La sentenza è stata emessa dal giudice Simona Panzera. Pellegrino e Mukaj sono assistiti dagli avvocati Alexia Pinto, Alessandro Costantini Dal Sant e Lolita Buonfiglio Tanzarella. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Attualità

"Me contro te" di Gianluca Leuzzi candidato al David di Donatello

social

Sant'Antonio Abate, il Santo del fuoco tra storia e tradizione

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovo aumento dei contagi e dei decessi

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

  • Cronaca

    Graffia un'auto parcheggiata: denunciato per danneggiamento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento