menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio, furti e tentata rapina: otto assoluzioni e tre condanne

La sentenza del processo scaturito dall'operazione "Il trentino", condotta nel 2015 dai carabinieri della stazione di Cellino San Marco

CELLINO SAN MARCO - A sei anni dal rinvio a giudizio, si è concluso con otto assoluzioni e tre condanne il processo scaturito dall’operazione “Il trentino”, inchiesta dei carabinieri della stazione di Cellino San Marco e dei colleghi della compagnia di Brindisi che nel marzo 2015 sfociò nell’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in cui a vario titolo si contestavano i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato, rapina aggravata e incendio doloso. La sentenza è stata emessa nella giornata di ieri (mercoledì 14 aprile) dal tribunale di Brindisi in composizione collegiale. 

Le condanne: 9 mesi e 1500 euro di multa per Alessandro Scalinci, 37 anni, di Guagnano (Lecce), per spaccio ritenuto di lieve entità; un anno e 6 mesi e 500 euro di multa con il beneficio della sospensione condizionale per Ilenia De Stradis, 27 anni, di Cellino San Marco, per tentata rapina in concorso; un anno e sei mesi di reclusione e 450 euro di multa per Angelo Fortunato, 41 anni, di Cellino San Marco, per furto. 

Assolti gli altri otto imputati. Si tratta di Nicola Taurino (29 anni), Marika D'Amato (25 anni), Marco Quarta (39 anni), Ilenia Rizzo (32 anni), Giuseppe Chiriatti (32 anni), Oronzo Chiriatti (24 anni), Cristian Vedruccio (23 anni), tutti di Cellino San Marco, oltre a Paolo Guadadiello (23 anni) di Torchiarolo. Altri tre imputati chiusero con un patteggiamento. 

L’operazione “Il Trentino”, dal nome che nell’ambito del traffico di stupefacenti si usa per indicare il quantitativo di sostanza ceduta (precisamente ci si riferiva a una dose di cocaina del peso di 0,3 grammi e dal costo di 30 euro), fu avviata nel gennaio del 2014, a seguito dell’esplosione di alcuni colpi di fucile contro un’abitazione. Fra gli episodi su cui indagarono i carabinieri, anche un furto nel ristorante di Al Bano Carrisi perpetrato nel 2011. 

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati: Raffaele Missere, Giacomo Serio, Dario Budano, Ladislao Massari, Rosalba Gatto, Pasquale Di Natale, Paola Andriola e Alessandro Costantini Dal Sant. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento