Armi e favoreggiamento immigrazione clandestina: due condanne

Condotti in carcere un brindisino di 24 anni, condannato per reati in materia di armi, e un fasanese di 58 anni

Si aprono le porte della casa circondariale di Brindisi per il 25enne Diego Pupino, di Brindisi, già sottoposto ai domiciliari. Il ragazzo deve scontare la parte residua di una pena pari a quattro anni e otto mesi di reclusione per delitti contro il patrimonio e in materia di armi commessi in Brindisi nei mesi di ottobre e novembre 2017. I carabinieri della stazione di Brindisi Centro gli hanno notificato un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva, emesso dall’ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi.

E’ stato condotto in carcere anche il 58enne Andrea Colucci, già sottoposto ai domiciliari, di Fasano. Questi dovrà scontare la parte residua di una pena pari a tre anni e quattro mesi di reclusione per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, commesso in Brindisi il 16 ottobre 2019. Il provvedimento restrittivo è stato eseguito dai carabinieri della locale stazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • La Puglia passa in zona gialla: cosa cambia fino al 21 dicembre

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Festa di compleanno senza mascherine, ma con petardi: 11 denunce

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento