menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di droga, rapine, furti e armi: sei condanne e sette assoluzioni

Pusher in azione fra Brindisi, San Pietro Vernotico e Cellino. Emessa la sentenza al termine del processo con rito abbreviato

Si è concluso con sei condanne, sette assoluzioni e un patteggiamento il processo celebrato con rito abbreviato a carico di 14 persone coinvolte in una inchiesta della Squadra Mobile di Brindisi per alcuni episodi di spaccio di cocaina, marijuana e hashish tra Brindisi, Cellino San Marco, San Pietro Vernotico e Martina Franca, attraverso una rete di pusher. Contestate inoltre due tentate rapine, oltre a furti e detenzione di armi. 

Condanne

La sentenza è stata pronunciata nella giornata di oggi (giovedì 25 febbraio) dal gup del tribunale di Brindisi, Maurizio Saso. L’accusa è stata sostenuta dal pm Gualberto Buccarelli. Alle pene è stata applicata la riduzione di un terzo, per la scelta del rito alternativo al dibattimento. 

Condannati: Emanuele Soliberto, 43 anni, di Brindisi, imputato per due tentate rapine, un furto e un tentato furto, più porto di arma, nove anni (richiesta di otto anni) e 60.000 euro di multa; Angelica Chiarelli, nata a Martina Franca (Taranto), 40 anni, imputata con accuse identiche, otto anni (richiesta di otto anni) e 50.000 euro; Francesco Soliberto, 34 anni, di Brindisi, imputato per spaccio di droga, sette anni (richiesta di sei anni, 10 mesi) e 40mila euro; Marco Pecoraro, 40 anni, nato in Germania ma residente da tempo a Cellino San Marco, imputato per spaccio, sette anni (richiesta di sette anni, due mesi) e 40.000 euro; Giovanni Vergari, imputato per spaccio di droga, tre anni (richiesta di quattro anni, un mese, dieci giorni) e 14.000 euro; Vito Derasmo, 32 anni, originario di Grumo Appula (Bari) ma residente a Martina Franca (Taranto), imputato per tentata rapina, porto di arma e ricettazione, quattro anni (richiesta di quattro anni, cinque mesi, dieci giorni) e 12.000 euro. 

Assoluzioni

Assolti: Giovanni Antico, 36 anni, di Brindisi; Salvatore Mario Volpe, 25 anni, di Brindisi; Tonj Martinese, 38 anni, di Brindisi; Miriana Pagliara, 26 anni, di San Pietro Vernotico; Cosimo Remitri, 29 anni, residente a San Vito dei Normanni; Giuseppe Acquaro, 36 anni, di Martina Franca; e Cosimo Perrone (detto Mino),37 anni, di Torchiarolo. 

Accolta la richiesta di patteggiamento con applicazione della pena di quattro mesi e 800 euro di multa per Tamara Pecoraro, 45 anni, di Cellino San Marco, il cui arresto in flagranza di reato avvenuto nel luglio 2016 segnò l’avvio delle indagini, nel corso delle quali la Squadra mobile ha fatto anche ricorso a intercettazioni telefoniche. 

Il collegio difensivo degli imputati brindisini è composto dagli avvocati Ladislao Massari, Dario Budano, Giacomo Serio, Laura Beltrami, Cinzia Cavallo e Giampiero Iaia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

  • Emergenza Covid-19

    Covid: prime vaccinazioni con Johnson & Johnson nel Brindisino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento