Confiscati i beni a Brandi

BRINDISI - Confiscati beni per 250 mila euro dalla Direzione investigativa antimafia di Lecce. Si tratta di un immobile e un autovettura riconducibili a Francesco Giovanni Brandi, 42enne di Brindisi, gia' tratto in arresto dalla Dia di Lecce insieme ad altre persone nell'ambito dell'operazione 'Berat Dia'. Brandi, all'omonimo processo, è stato condannato il 21 luglio scorso a 13 anni e 8 mesi (il pm ne aveva chiesti 20).

Francesco Giovanni Brandi

BRINDISI - Confiscati beni per 250 mila euro dalla Direzione investigativa antimafia di Lecce. Si tratta di un immobile e un autovettura riconducibili a Francesco Giovanni Brandi, 42enne di Brindisi, gia' tratto in arresto dalla Dia di Lecce insieme ad altre persone nell'ambito dell'operazione 'Berat Dia'. Brandi, all'omonimo processo, è stato condannato il 21 luglio scorso a 13 anni e 8 mesi (il pm ne aveva chiesti 20).

Il provvedimento di confisca segue quello di sequestro emesso, ai sensi della normativa antimafia, dalla prima sezione penale del Tribunale di Brindisi, ed e' stato adottato sulla base di articolate indagini patrimoniali dalle quali e' emersa un'evidente sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati dal Brandi e l'ingente patrimonio a lui riconducibile. L'Operazione Berat Dia, che includeva reati compresi tra il traffico di droga tra Albania e Brindisi e le estorsioni, scattò il 9 ottobre 2007.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

Torna su
BrindisiReport è in caricamento