menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianvito Ingletti

Gianvito Ingletti

Consiglio discarica: bomba all'assessore/ Video

SAN VITO DEI NORMANNI – Attentato alle 22,25 a San Vito dei Normanni. Sconosciuti hanno collocato un ordigno all’interno dell’auto dell’assessore comunale Gianvito Ingletti, una Lancia Delta, in via Tenente Filomeno. L’esplosione, secca, ha fatto saltare le portiere e i cristalli della vettura, provocando danni molto gravi.

SAN VITO DEI NORMANNI - Attentato alle 22,25 a San Vito dei Normanni. Sconosciuti hanno collocato un ordigno all'interno dell'auto dell'assessore comunale Gianvito Ingletti, una Lancia Delta, in via Tenente Filomeno. L'esplosione, secca, ha fatto saltare le portiere e i cristalli della vettura, provocando danni gravi (video). Ma non vi è stato incendio. Lo scoppio ha richiamato immediatamente in strada tutti gli abitanti della zona, che si sono concentrati attorno al luogo dove si trova l'auto dell'amministratore, che ha la delega alle Attività produttive, all'Ambiente e alle Energie rinnovabili.

Sul posto, prima ancora dei carabinieri della compagnia locale, sono arrivati il sindaco Alberto Magli ed altri colleghi di Gianvito Ingletti. Il movente dell'attentato è certamente da ricercare nell'attività amministrativa dell'assessore, è l'opinione comune. Ma saranno gli investigatori a raccogliere gli elementi necessari per individuare una pista.

Oggi a San Vito il consiglio comunale era stato convocato per protestare contro la ripresa delle attività della discarica di rifiuti speciali della Formica Ambiente, che si trova in territorio di Brindisi ma dista 15 chilometri dal capoluogo, e solo cinque dall'abitato di San Vito, agro con cui confina il sito. La zona di Autigno-Formica-Mascava è punteggiata da discariche dismesse o in attività, come quella di Formica e come quella di rifiuti solidi urbani che serve l'intero bacino della provincia di Brindisi, e dove stanno arrivando da mesi anche i rifiuti del Sud Barese.

Gli abitanti della zona hanno organizzato una manifestazione proprio per sabato 22 marzo. E l'attentato si colloca in questo scenario. Difficile non pensare ad un collegamento. A San Vito la giunta in carica è di centrodestra, come le tre precedenti, e l'anno prossimo c'è la scadenza elettorale ordinaria. Sono vent'anni che nella cittadina di quasi ventimila abitanti non si registrano attentati indirizzati ad amministratori comunali.

Bisogna tornare indietro agli anni in cui alcuni esponenti dell'amministrazione di centrosinistra in carica all'epoca subirono attentati alle abitazioni nel periodo in cui si discuteva del Piano regolatore generale. I responsabili non sono mai stati scoperti. Anche gli interessi attorno all'affare dei rifiuti sono molto forti nella zona, dove secondo Brindisi Bene Comune, che aveva annunciato la propria partecipazione al consiglio comunale di San Vito, arriveranno 400 tonnellate di ecoballe in parte già combuste, spedite dalla Campania.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento