menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consorzio Torre Guaceto: "Infondate le notizie sul blitz a Penna Grossa"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma dell'avvocato Stefano Lino, scritta a nome e per conto del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, in persona del presidente pro tempore

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma dell’avvocato Stefano Lino, scritta a nome e per conto del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, in persona del presidente pro tempore. 

Con riferimento all’articolo pubblicato in data 07.07.2016, intitolato “Blitz a Penna Grossa: chiuso cantiere del Consorzio di Torre Guaceto”, nel quale sono riportate informazioni erronee ed infondate, nonché a diversi altri articoli pubblicati in precedenza dalla stessa Testata, attraverso i quali sono state diffuse notizie non vere e/o comunque chiaramente allusive a fatti non veri, invito e diffido Codesta Rivista ad astenersi, per il futuro, dal riferire fatti riguardanti il Consorzio laddove privi di fonte attendibili, non confermati e, soprattutto, infondati. 

La diffusione di erronee informazioni quali quelle a più riprese apparse sulla Rivista-in particolare nel prefato articolo- va con ogni evidenza a ledere la reputazione e il prestigio del Consorzio, cui sono addirittura attribuite condotte illecite. 

Per tale ragione il Consorzio mi ha conferito di segnalare tempestivamente quanto sopra alle Autorità ritenute competenti, con riserva di agire per il risarcimento dei danni (materiali e morali) patiti.

Fermo restando il dovere di fornire una corretta informazione, credo sia utile in chiusura ricordare che anche il diritto di critica, che pure non deve limitarsi alla semplice narrazione di fatti, ma consente la manifestazione di una opinione (che, come tale, non può essere rigorosamente obiettiva), soggiace tuttavia a taluni limiti, ossia la verità del fatto cui si riferisce l’opinione e la correttezza delle espressioni usate. 

La redazione - A proposito della vicenda cui si riferisce l'avvocato Lino, precisiamo di essere stati contattati telefonicamente dal direttore del consorzio, Alessandro Ciccolella, il quale aveva preannunciato una nota di chiarimento. Al posto di tale nota è arrivata invece la lettera di diffida, in cui si fa cenno anche a non ben specificati precedenti casi in cui avremmo diffuso notizie inesatte su fatti riguardanti la riserva. Respingiamo decisamente quest'ultima affermazione, fatta a nome del consorzio, dall'avvocato Lino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento