Consulenze e collaboratori a Brindisi sono segreti. E nessuno paga pegno

L’efficienza degli enti che svolgono attività di pubblico interesse, ma anche le società partecipate dall’amministrazione comunale di Brindisi, è oggetto di una approfondita riflessione e analisi da parte dell’associazione Left di Brindisi

BRINDISI - L’efficienza  degli enti che svolgono attività di pubblico interesse, ma anche le  società partecipate dall’amministrazione comunale di Brindisi, è oggetto di una approfondita riflessione e analisi  da parte dell’associazione Left di Brindisi, che intende  verificare in che modo vengono organizzati i servizi e spese le risorse pubbliche,   per eliminare,  attraverso la correttezza e trasparenza degli atti,  le aree di opacità, gli sprechi e le inefficienze, in funzione  dei risultati positivi di bilancio, dello sviluppo e, conseguentemente,  della salvaguardia dei posti di lavoro

Nei giorni scorsi il presidente Carmine Dipietrangelo ha esplorato  il primo capitolo di questo lungo percorso, che si vuole compiere insieme ai cittadini,  analizzando il sistema di nomine  realizzate all’interno della Stp, che sembra lontano da quella nuova municipalità, da quella trasparenza, dal quel nuovo modo di amministrare le risorse pubbliche, cui si fa spesso riferimento nei discorsi della politica, che rimane purtroppo  ancorata a pratiche antiche, che tanti danni hanno procurato e continuano a procurare.

In linea con quel ragionamento, in molti si chiedono come si possa rimanere a dirigere una società che utilizza risorse economiche pubbliche, che per la Corte dei Conti rappresenta la pubblica amministrazione in senso oggettivo,  quando  per  lungo tempo non si rispetta la legge e  si calpestano  i diritti  dei cittadini,  di coloro che con il pagamento delle tasse e dei tributi vari creano quelle risorse.

Sul sito istituzionale della Multiservizi  di Brindisi, della Energeko, di proprietà al 100% del Comune di Brindisi,  della Fondazione Teatro Verdi, della Stp (società di trasporto pubblico)   e Asi  (Area di sviluppo industriale) di Brindisi,  si continua a non pubblicare  l’elenco contenente   le indicazioni relative  agli incarichi di consulenze e di collaborazione conferiti,  nonostante quanto prescritto da numerose  leggi.

L’ultima in ordine di tempo è quella contenuta  nell’articolo  15 del decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013, in vigore da 20 aprile 2013,  riguardante il riordino della disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni,  che obbliga le pubbliche amministrazioni, le società in house e le fondazioni, le partecipate, gli enti di diritto privato che svolgono attività di pubblico interesse,   a pubblicare ed aggiornare sul proprio sito web, gli elenchi e le informazioni relative agli incarichi di collaborazione e  consulenza conferiti, entro tre mesi dal conferimento dell’incarico e per  i tre anni successivi dalla loro  cessazione.

Una obbligo di pubblicazione rafforzato dalla previsione, che il conferimento della collaborazione  o di consulenza acquista efficacia e consente la liquidazione del compenso  solo con la  pubblicazione  degli estremi dell'atto di conferimento dell'incarico. L’ eventuale pagamento del corrispettivo disposto in assenza della pubblicazione, prosegue la legge,  determina la responsabilità del dirigente,  che l’ha disposto e comporta il pagamento di una sanzione  pari alla somma corrisposta. A meno che il destinatario non risarcisca il danno.

Una situazione che potrebbe far presupporre ai cittadini che visitano il sito,  l’eccezionale circostanza,   che nessun  incarico e/o collaborazione sia stato conferito e,  conseguentemente,  nessun compenso liquidato, in tutti questi anni. Ma anche presupporre, in assenza di indicazioni o di riferimenti, che si prosegua in barba alla legge e alle sanzioni.

Nondimeno,  al fine di consentire  ai cittadini  di poter esercitare i diritti rivenienti dalla legge e verificare   direttamente, senza complicazioni  e/o  difficoltà burocratiche,  il buon andamento della pubblica amministrazione e  in che modo vengono spese le  risorse pubbliche e organizzati i servizi,   così come hanno già fatto tempestivamente moltissime società in house, fondazioni e  società interamente partecipate da enti pubblici esistenti in Italia,  in cui  esiste un efficiente sistema di controllo,  è obbligatorio  pubblicare , tenendolo aggiornato,  l’elenco  dei conferimenti effettuati quest’anno e negli anni precedenti.

Naturalmente,   con   tutte le indicazioni prescritte dal decreto legislativo  33 del 2013,  che si riferiscono al soggetto incaricato,  al suo curriculum, all’oggetto e durata  dell’incarico, al provvedimento di conferimento,  al compenso previsto, agli importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici, nonché ai  dati relativi ad altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica. Ma anche le eventuali sanzioni nel frattempo applicate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quello che fa specie in questa circostanza e la riluttanza a conformarsi alla legge, che risulta essere evidentemente un  impegno molto doloroso, ma anche l’inerzia dell’amministrazione comunale di Brindisi, che  è venuta meno alle funzioni proprio di  controllo, che aveva il dovere di esercitare, in modo particolare sulle società in house, al 100% di proprietà comunale.  Circostanza questa, che a molti la fa apparire corresponsabile di questa grave omissione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento