menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovi dirigenti al Comune. E nuove contestazioni: Nomine centriste

La stessa maggioranza critica la sindaca. Secondo indiscrezioni Antonicelli, ex commissario Oga, ai rifiuti, e Brugnola al Pes. Pronti i bandi. Ai Lavori Pubblici Locorotondo e all'Urbanistica Indini. Ma non è ancora stato approvato il rendiconto del 2016: patto di stabilità a rischio nel nuovo anno

BRINDISI – Nel paniere delle contestazioni interne alla stessa maggioranza, ci sono anche i nuovi dirigenti che la sindaca Angela Carluccio intende nominare per guidare quattro settori ritenuti strategici: Rifiuti, Programmazione economica, Urbanistica e Lavori Pubblici.

I primi ad arricciare il naso in segno di disappunto sono i fittiani, già in rotta di collisione sulla Tari e sulla Multiservizi. A quanto pare la decisione della prima cittadina di avere una nuova Ripartizione alla Programmazione economica con un dirigente, sarebbe stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso già traballante. Perché i Cor non se sapevano niente. Non ne era a conoscenza l’assessore Michele Di Donna, eletto nella lista dei fittiani. Hanno saputo dalla stringata nota del portavoce della sindaca.

Un comunicato poco chiaro perché  non è stato spiegato né quando, né come saranno individuate le nuove figure. “Anche queste saranno scelte politiche contaminate dai centristi”, dicono dalle opposizioni. Mentre i rappresentanti sindacali di Cisl e Uil hanno chiesto un confronto, sotto forma di concertazione: “L’informativa del dirigente delle Risorse Umane che altri non è, se non lo stesso capo di Gabinetto della sindaca, non dice nulla di più se non che ci saranno quattro dirigenti”.

A quanto si apprende per Lavori Pubblici e Urbanistica, entrambi oggetto di approfondimento della Procura, il Comune dovrebbe attingere a selezioni già avviate nel 2013. Dal Palazzo si fanno i nomi di Marco Locorotondo, ingegnere, alla guida dei Lavori Pubblici, già dirigente extra pianta organica in passato, e di Teodoro Indini, architetto, per l’Urbanistica, settore ora guidata da Gaetano Padula che ha sostituito Fabio Lacinio, indagato al pari di Indini in relazione ai ruoli ricoperti all’interno della Ripartizione.

Per i settori Rifiuti e Pes, invece, dovrebbero esserci avvisi nuovi da pubblicare, stando a quanto ha deciso la Giunta: in entrambi i casi l’Ente cerca “specifiche competenze tecnico-professionali” e richiede “esperienza almeno quinquennale in organismi ed enti pubblici e privati in funzioni dirigenziali-direttive”. Tale previsione è bastata a scatenare il toto-nomi per le new entry: c’è chi sostiene che abbiano ottime chance Antonello Antonicelli, già dirigente dell’ufficio Ecologia della Regione Puglia ed ex commissario Oga, per la direzione del settore Rifiuti, e Giuseppe Brugnola al Pes, quest’ultimo attuale project manager per Brindisi Smart Lab a fronte di un compenso pari a 32.280 euro oltre Iva. E’ stato anche consulente per l’Asi. Il nome di Brugnola circolava già all’inizio dell’Amministrazione Carluccio come possibile assessore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Politica

    Il Tar dà ragione a Maiorano, eletto sindaco per due voti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento