Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Posti di blocco e perquisizioni dei carabinieri: pioggia di arresti e denunce

C’è chi è stato sorpreso con un cancello rubato, chi ha tentato di portarsi via un motoscafo, chi ha dato in escandescenze contro le forze dell’ordine che lo avevano colto senza i documenti di circolazione, chi se ne andava in giro con coltelli, sostanze stupefacenti di vario tipo (persino compresse di suboxone) e armi da arti marziali. Pioggia di arresti, denunce e segnalazioni

BRINDISI – C’è chi è stato sorpreso con un cancello rubato, chi ha tentato di portarsi via un motoscafo, chi ha dato in escandescenze contro le forze dell’ordine che lo avevano colto senza i documenti di circolazione, chi se ne andava in giro con coltelli, sostanze stupefacenti di vario tipo (persino compresse di suboxone) e armi da arti marziali. Una pioggia di arresti, denunce e segnalazioni è scaturita da un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati predatori che ha visto impegnati i carabinieri del comando provinciale di Brindisi. Complessivamente sono stati impiegati 80 militari a bordo di 35 mezzi, sono stati predisposti ben 9 posti di blocco in orari e zone differenti, alternati da numerosi posti di controllo. 

Quattro persone sono state arrestate. Antonio Lodeserto, 60 anni, e Antonio Calò, 47 anni, entrambi di Oria, sono stati fermati per le vie di CeglieCALO' Antonio, classe 1978-2 Messapica mentre procedevano a bordo di un autocarro in cui si trovavano vari strumenti atti allo scasso e due cancelli in ferro zincato, risultati proventi di furti. I due, alla vista delle forze dell’ordine, hanno tentato di darsi alla fuga. Ma i carabinieri li hanno catturati nel giro di pochi minuti. Il materiale rubato è stato posto sotto sequestro. Per Calò e Lodeserto si sono aperte le porte della casa circondariale di Brindisi in via Appia (nella foto a destra, Antonio Calò). 

Stessa sorte è toccata a Luigi Franceschini, 36 anni, di San Vito dei Normanni. L’uomo, sottoposto ai domiciliari, pare violasse le misure restrittive, intrattenendo contatti telematici con più persone. Per questo la corte d’Appello di Lecce ha emesso a suo carico un’ordinanza di ripristino della custodia cautelare in carcere. 

E’ stato arrestato in regime di domiciliati, invece, il 40enne Gianluca Merola. Questi è stato trovato del tutto sprovvisto di documenti di circolazione. Condotto in caserma per le sanzioni amministrative del caso, ha cominciato a inveire contro i carabinieri, LODESERTO Antonio, classe 1955-2tentando di aggredirli. Ma i militari sono riusciti a bloccarlo e ammanettarlo, per poi riaccompagnarlo presso la sua abitazione. 

Diciassette persone sono state denunciate a piede libero. A.T., 35 anni, di Ceglie Messapica, nel corso di una perquisizione domiciliare è stato sorpreso con 8 grammi di hascisc e 3 compresse di suboxone (farmaco utilizzato per la dipendenza dai narcotici), oltre a materiale per il confezionamento della droga. D. G., 18 anni, e G.G., 20 anni, entrambi di San Vito dei Normanni, se ne andavano in giro con 5 grammi di hascisc (il primo) e un flacone contenente 20 milligrammi di metadone (il secondo). (Nella foto a sinistra, Antonio Lodeserto)

A.Z., 41 anni, di Mesagne, se ne andava in giro invece con un coltello del genere proibito. Mentre A.E.A., 44 anni, originario del Marocco e residente a San Vito dei Normanni, è stato sorpreso alla guida di una macchina agricola senza patente, poiché mai conseguita, e senza assicurazione. F.M., 38 anni, di Ostuni, era al volante della sua auto in evidente stato di ebbrezza alcolica, accertata con l’etilometro. 

D.N. ,29 anni, di San Michele Salentino, era al volante in evidente stato di agitazione psicofisica. Fermato dai carabinieri, si è rifiutato di FRANCESCHINI Luigi, classe 1979-2sottoporsi a specifici accertamenti volti ad accertare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti. L’automobilista O.U., 29 anni, di Ceglie Messapica, è stato trovato in possesso di un nunchaku (arma da arti marziali) del genere proibito. R.C., 32 anni, di San Vito dei Normanni, è stato sorpreso in compagnia di una persona estranea al suo nucleo famigliare, nonostante fosse ristretto in regime di domiciliari. (Nella foto a destra, Luigi Franceschini)

Il ghanese K.M., residente a Ostuni, aveva con sé un coltello. V.C., 29 anni, di Latiano, era alla guida di un ciclomotore senza patente di guida, poiché mai conseguita, e senza assicurazione. La patente di guida, invece, era stata revocata al 34enne M.M., sorpreso alla guida di uno scooter. 

G.P, 45 anni, di Alberobello (Bari) è stato fermato dai carabinieri della compagnia di Fasano mentre tentava di rubate un gommone di proprietà di un 32enne che si trovava all’interno di un deposito di barche della marina di Savelletri. Il barese, insieme a due complici, aveva caricato il natante, munito di due motori, su un carrello agganciato alla sua auto. Ma i carabinieri lo hanno intercettato lungo la strada. I complici non sono stati individuati. 

DSCN1851-2Il 31enne M.M., di San Donaci, è stato sorpreso alla guida di una moto, senza patente di guida. Analogo discorso vale per il 18enne A.C., di Torre Santa Susanna, che invece si trovava alla guida di un’auto. G.C., 52 anni, di Francavilla Fontana, Stava conducendo un autocarro con del materiale ferrose privo delle autorizzazioni del caso. Nell’abitazione di C.L., 37 anni,  è stato trovato un cancello zincato il cui furto era stato denunciato il 19 ottobre del 2007 a Francavilla Fontana, ai danni di un 47enne del luogo. 

Inoltre sono state segnalate all’autorità amministrativa 8 persone (tra cui 1 minore), per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti, con sequestro di 14 grammi di hashish. Complessivamente sono state eseguite 35 perquisizioni personali, veicolari e domiciliari, 136 controlli a soggetti sottoposti alle misure di sicurezza e prevenzione, identificate 332 persone e controllati 208 veicoli e 2  esercizi pubblici. Inoltre, sono state elevate 49 contravvenzioni al codice della strada.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posti di blocco e perquisizioni dei carabinieri: pioggia di arresti e denunce

BrindisiReport è in caricamento