Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Controlli anti caporalato: denunciato imprenditore agricolo brindisino

Nella sua azienda lavorava un extracomunitario di cui non aveva ancora comunicato l'assunzione alle autorità competenti

BRINDISI - Lavorava presso la sua azienda, nonostante non ne avesse ancora comunicato l’assunzione all’autorità competenti. Un imprenditore agricolo di 58 anni residente a Brindisi è stato denunciato a piede libero dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Brindisi, Brindisi costituenti la task force anti-caporalato. I militari hanno effettuato un controllo nell’ambito dell’attività di contrasto al fenomeno dell’intermediazione illecita di manodopera e sfruttamento del lavoro, unitamente al personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Brindisi.

Al momento dell’arrivo dei carabinieri, all’interno della sede operativa dell’azienda si trovavano quattro extracomunitari, di cui uni risultato occupato senza la preventiva comunicazione di assunzione, in possesso di regolare permesso di soggiorno. Nella circostanza, oltre alla mancanza del rispetto della normativa contrattuale relativa alla sicurezza sul lavoro, è stata accertata anche la violazione amministrativa riguardante il “lavoratore non assunto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli anti caporalato: denunciato imprenditore agricolo brindisino

BrindisiReport è in caricamento