rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Controlli dei carabinieri e denunce: sei persone nei guai

Possesso di oggetti atti a offendere, omessa custodia di armi comuni da sparo, violazione alla normativa edilizia ed evasione

Possesso di oggetti atti a offendere, omessa custodia di armi comuni da sparo, violazione alla normativa edilizia ed evasione. Sei persone sono finite nei guai nell’ambito di alcuni controllo operati dai carabinieri tra Brindisi e provincia.

È il 49enne di Tuturano, C.F. che dovrà rispondere di porto illegale di oggetti atti ad offendere. Nel corso di una perquisizione veicolare, sono stati rinvenuti sotto al sedile dell’auto da lui condotta, due bastoni, rispettivamente della lunghezza di 52 e 47 centimetri, sottoposti a sequestro.

A Latiano, invece, è stato denunciato un 56enne per omessa custodia di armi comuni da sparo. Nel corso di specifico controllo eseguito all’interno della sua abitazione si è accertato che non aveva custodito i due fucili calibro 16 e calibro 20, unitamente a 26 cartucce, regolarmente detenuti, adottando le necessarie cautele. Le armi e il munizionamento sono stati sottoposti a sequestro.  

A San Donaci sono state denunciate tre persone, A.C.79 anni e B.D. 83 anni, residenti nella provincia di Asti, ed F.C. 37enne di San Donaci, per violazione alla normativa edilizia. I carabinieri nell’ambito di specifica attività hanno accertato che i tre avevano realizzato a San Donaci, in assenza del previsto permesso a costruire, un vano di 28 mq, nonché su suolo di proprietà comunale, un garage di 36 mq. Nel contesto, l’Ufficio tecnico comunale, ha emesso ordinanza di demolizione delle opere abusive realizzate. 

E’ un rumeno di 56 anni, M.C., infine, colui che deve rispondere di evasione. I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni, durante un controllo non lo hanno trovato nel luogo dove era ristretto ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri e denunce: sei persone nei guai

BrindisiReport è in caricamento