rotate-mobile
Cronaca

Controlli dei carabinieri, sette denunce

Numerose denunce per vari reati, nelle ultime ore, nel corso di servizi e indagini dei carabinieri in vari centri della provincia di Brindisi. A Fasano i militari hanno deferito alla procura un giovane di 25 anni, P.I., che era finito in ospedale dopo essere finito con la sua moto contro un’auto in sosta. Le analisi effettuate nel corso delle cure prestate all’infortunato hanno rivelato che guidava sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Numerose denunce per vari reati, nelle ultime ore, nel corso di servizi e indagini dei carabinieri in vari centri della provincia di Brindisi. A Fasano i militari hanno deferito alla procura un giovane di 25 anni, P.I., che era finito in ospedale dopo essere finito con la sua moto contro un'auto in sosta. Le analisi effettuate nel corso delle cure prestate all'infortunato hanno rivelato che guidava sotto l'effetto di alcol e sostanze stupefacenti.

Devono invece ringraziare la trascorsa flagranza del reato alcuni giovanotti, sempre a Fasano, protagonisti di un tentativo di spaccata e di una bravata contro una pattuglia dell'Arma. Solo il tempo intercorso tra i fatti e la loro identificazione ha evitato loro l'arresto. Nel primo caso, N.A. di 30 e V.B. di 19 anni dodici giorni fa, il 16 ottobre, avevano provato ad infrangere la vetrata di una tabaccheria per fare un repulisti veloce. Per lo scopo avevano rubato poco prima un pesante portacenere in pietra in un vicino bar. Ma l'oggetto era rimbalzato sul cristallo, che era - per fortuna del tabaccaio - blindato. Entrambi sono stati denunciati a piede libero.

Stessa sorte per due furboni che esattamente due settimane fa erano transitati velocemente in auto accanto ad un posto di controllo dei carabinieri della compagnia di Fasano, oltraggiando i militari al lavoro e poi squagliandosela. L'insulto in corsa però adesso costerà un bel po' a S.G. di 37 anni e all'autore materiale dell'invettiva, C.C. di 23 anni (uno con quelle iniziali, poi). Prima è stato identificato S.G., il quale però dichiarando il falso ai militari nel tentativo di depistare le indagini e proteggere il complice, si è preso una bella denuncia per favoreggiamento. Da tenere presente che lo stesso è sottoposto ad obbligo di dimora a Fasano. Per oltraggio è stato denunciato dopo l'identificazione, invece, lo stesso C.C., il più giova ne della premiata coppia.

A Cellino San Marco, i carabinieri hanno denunciato un ragazzo di 18 anni, M.B., finito in un controllo stradale dell'Arma. Il giovanotto non aveva la patente perché non l'aveva mai conseguita, e la cosa - oltre la denuncia - gli è costata anche il sequestro della vettura. I carabinieri di S.Pietro Vernotico, invece, si sono imbattuti in una cittadina polacca di 44 anni che girava completamente ubriaca, la quale non solo ha affermato che non avrebbe mai dato le proprie generalità ai carabinieri, ma lo ha fatto anche in modo offensivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri, sette denunce

BrindisiReport è in caricamento