menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Movida molesta e criminalità: controlli e perquisizioni in centro e al Sant'Elia

Poliziotti, carabinieri e guardia di finanza impegnati in una serie di controlli fra la tarda serata di sabato e domenica mattina, con impiego anche di unità cinofile

BRINDISI – Continua il giro di vite delle forze dell’ordine contro teppismo e malavita. Come già accaduto lo sorso week end, anche nella tarda serata di ieri (sabato 21 ottobre) poliziotti, carabinieri, con l'ausilio delle unità cinofile della guardia di finanza, hanno letteralmente circondato piazza Santa Teresa, identificando e controllando decine di ragazzi, fra cui numerosi minorenni. Iniziati intorno alle ore 22, i controlli successivamente si sono spostati in piazzale Lenio Flacco, dove la notte fra il 30 settembre e l'uno ottobre avvenne un brutale pestaggio, e in piazza Sottile De Falco, altro snodo della movida notturna. 

Stretta sulla movida molesta

Come noto, piazza Santa Teresa aveva fatto da scenario nelle scorse settimane, e in particolare nei sabati sera, a gravi episodi di inciviltà, fra cui esplosioni di bombe carta, urla e schiamazzi, che avevano messo in allarme i residenti del posto. Il “blitz”, a quanto pare, ha sortito dei risultati concreti, che verranno divulgati nelle prossime ore.

Controlli e perquisizioni al rione Sant'Elia

Alle prime luci di oggi, invece, diverse pattuglie dei carabinieri sono entrate in azione in via Benvenuto Cellini, via Ligabue e altre zone del quartiere sant’Elia in cui risiedono soggetti già noti alle forze dell’ordine. I militari hanno allestito dei posti di blocco ed effettuato perquisizioni. Attività analoghe, sempre al Sant’Elia, erano state predisposte anche nei giorni scorsi, in risposta ai gravi fatti di cronaca avvenuti fra settembre e ottobre. 

Gli investigatori sono infatti alla ricerca dei responsabili delle sparatorie avvenute in via Raffaello, dove fra la notte fra il 12 e il 14 settembre sono state prese di mira un paio di palazzine, in via Sant’Angelo, dove l’1 ottobre è stato gambizzato Stefano Borromeo,  nei pressi della strada che collega il Sant’Elia alla rotatoria della strada statale 7 per Taranto, teatro della gambizzazione di Christian Ferri, e all’altezza della rotatoria fra via Leonardo da Vinci e via Dalbono, dove lo scorso 13 ottobre è stata bersagliata una Fiat Stilo.

E’ forte il sospetto che tutti questi episodi rientrino in un unico mosaico investigativo. Attraverso le perquisizioni e i controlli odierni, i carabinieri cercheranno di acquisire ulteriori elementi.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento