menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi di alcol e minorenni: saranno convocate le famiglie

Lo annuncia la questura dopo il nuovo controllo serale sui locali. Colpiti da Dacor altri tre parcheggiatori abusivi

BRINDISI – “Il fenomeno della smodata assunzione di alcool da parte dei giovanissimi, in particolare nel corso dei fini settimana, è un fenomeno che deve essere assolutamente contenuto. Il questore di Brindisi ha disposto che i controlli proseguano con il prezioso contributo della Polizia Locale, ma rivolge un appello alle famiglie affinché svolgano la necessaria attività di controllo. Tutti i familiari dei minori controllati e sorpresi a bere superalcoolici saranno convocati in Questura nei prossimi giorni per un colloquio con i funzionari addetti all’attività di controllo”.

E’ un monito ma anche un richiamo alle famiglie quello contenuto in una nota della questura di Brindisi sul nuovo servizio tra i locali del centro cittadino e sulle strade circostanti dalla Polizia di Stato e dalla Polizia locale tra la serata di venerdì 18 ottobre e la notte scorsa, con alcuni verbali ad automobilisti, sequestri di modiche quantità di stupefacenti per uso personale, ma soprattutto sette verbali a carico di altrettanti esercenti di pub e bar “per altrettante irregolarità amministrative riscontrate nella somministrazione di alimenti e bevande”.

Annunciata dal questore Ferdinando Rossi l’avvenuta emissione a carico di tre parcheggiatori abusivi, altrettanti provvedimenti di Divieto di accesso in aree urbane, i cosiddetti Dacur. Per due dei tre abusivi, anche in considerazione della recidività della condotta, sono stati emessi provvedimenti di allontanamento per un periodo di tre mesi. Il terzo soggetto, invece, è stato interdetto per il periodo di un anno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento