Controlli nei negozi, 4 denunce

BRINDISI – Weekend intenso di lavoro per i militari della Guardia di Finanza di Brindisi. Scoperti 9 lavoratori in nero, rilevate diverse infrazioni per mancato rilascio di scontrini fiscali e ricevute e individuate 13 attività commerciali, in tutta la provincia, che non pagavano il canone Rai per uso pubblico. Quattro, alla fine, i responsabili di negozi denunciati all’autorità giudiziaria.

Sequestro merce contraffatta

BRINDISI Weekend intenso di lavoro per i militari della Guardia di Finanza di Brindisi. Scoperti 9 lavoratori in nero, rilevate diverse infrazioni per mancato rilascio di scontrini fiscali e ricevute e individuate 13 attività commerciali, in tutta la provincia, che non pagavano il canone Rai per uso pubblico. Quattro, alla fine, i responsabili di negozi denunciati all’autorità giudiziaria.

Dalle pizzerie ai negozi d’abbigliamento, per poi passare ai bar e al commercio al dettaglio, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Brindisi non hanno fatto “sconti” nello scorso weekend. Una serie di controlli su tutto il territorio provinciale, al fine di perseguire i fenomeni evasivi più rilevanti e contrastare l’economia sommersa, la pirateria audiovisiva e contraffazione (due  dei settori più colpiti nel 2011 dai baschi verdi di Puglia) e gli obblighi di pagamento del canone Rai ad uso commerciale. Durante i controlli i militari delle Fiamme Gialle hanno individuato nove lavoratori in “nero” e verbalizzato 14 titolari di esercizi commerciali per mancata emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Inoltre, durante successivi controlli operativi sono stati segnalati, ai fini amministrativi, 13 persone per mancato pagamento del Canone Rai per uso pubblico e in un negozio di abbigliamento hanno sequestrato ben 500 tra capi e accessori di marchi di note griffes tutti contraffatti. In un altro negozio per bambini, sono stati sequestrati 370 giocattoli, tutti sprovvisti del marchio “Ce”  e in un altro ancora, mille articoli di bigiotteria, cosmetici e accessori per telefoni privi di etichettatura prevista dalla normativa vigente così come i 5 apparecchi da divertimento ed intrattenimento in un’altra attività commerciale.

Infine, sono stati sequestrati 200 tra cd e dvd sprovvisti del marchio Siae. Dopo tutti i controlli fatti nella provincia di Brindisi, i militari della guardia di Finanza, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria quattro responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento