menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Controlli nel porto di polizia ed esercito: ancora arresti e denunce

Continuano a sortire risultati i controlli sulla banchina di Costa Morena effettuati dalla polizia di frontiera al comando del vicequestore Mario Marcone nei confronti dei passeggeri in arrivo e in partenza

BRINDISI – Continuano a sortire risultati i controlli sulla banchina di Costa Morena effettuati dalla polizia di frontiera al comando del vicequestore Mario Marcone nei confronti dei passeggeri in arrivo e in partenza, sia nell’area Schengen che in quella extra Schengen. Lo scorso 21 maggio, altre due persone sono finite nelle maglie dei servizi antiterrorismo espletati in sinergia con il contingente di rinforzo del quindicesi,o Reparto mobile della polizia di Taranto e dei militari del 21esima reggimento terrestre “Trieste” di Foggia.

Il 38enne Kiril Ganushev, originario della Bulgaria, è stato fermato prima di salire a bordo dal traghetto “Euroferry Egnazia” della compagnia Grimaldi, diretto in Grecia. Lo straniero era infatti destinatario di un provvedimento restrittivo emesso dalla procura della Repubblica di Ravenna lo scorso 10 febbraio, in quando doveva espiare la parte residua di una pena a tre anni, 5 mesi e 11 giorni di reclusione per reati riguardanti la detenzione e divulgazione di codici di accesso a sistemi informatici e telematici nonché e interruzione illecita di comunicazioni telefoniche e telegrafiche. 

Lo stesso giorno, in occasione dell’imbarco sulla nave Vastervix, sempre diretta in Grecia, è stato denunciato per ricettazione un altro bulgaro, il 39enne I.t., in quanto a bordo di un mezzo di sua proprietà, un Fiat Iveco, si trovavano 30 pneumatici di marca Good Year e Bridgestone, del valore complessivo di circa 13mila  euro, di cui lo stesso non era in grado di fornire alcuna documentazione che ne attestasse l’acquisto. Gli ulteriori accertamenti esperiti permettevano di appurare che i suddetti pneumatici erano di provenienza furtiva. 
Il materiale rinvenuto, veniva sequestrato, per essere successivamente restituito al legittimo proprietario. 

A partire dallo scorso 21 aprile, la polizia di frontiera ha arrestato complessivamente due persone (entrambe in esecuzione di un ordine di carcerazione), ne hanno denunciate tre (rispettivamente per ricettazione di auto provento di furto, ricettazione di pneumatici e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso, ne hanno controllate 13667, di cui 58 respinte in frontiera Per inammissibilità sul territorio Schengen o perchè prive dei necessari mezzi di sussistenza in  relazione al soggiorno Infine sono stati controllati 1645 veicoli. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento