Cronaca

Corruzione: ex sindaco ed ex consiglieri rischiano un processo

Richiesta di rinvio a giudizio a carico di nove persone, fra cui anche dirigenti/funzionari del Comune di Brindisi e liberi professionisti

BRINDISI – Rischiano il processo nove persone, fra ex amministratori, dirigenti/funzionari del Comune di Brindisi e professionisti, coinvolti in un procedimento scaturito da un’inchiesta su presunti episodi di corruzione riguardanti fatti risalenti al 2015. Il pm del tribunale di Brindisi Antonio Negro ha depositato infatti una richiesta di rinvio a giudizio a carico di: Mimmo Consales, ex sindaco di Brindisi; Pasquale Luperti, ex assessore all’Urbanistica; Salvatore Brigante, ex consigliere comunale; Costantino Del Citerna, vice segretario generale del Comune di Brindisi; l’architetto Fabio Lacinio, all’epoca dei fatti dirigente del settore Urbanistica, oggi responsabile del settore Lavori e pubblici; il geometra Marina Mautarelli, già tecnico istruttore addetto al settore Urbanistica; Luigi Sergi, ex consigliere comunale; l’architetto Luigi dell’Atti, libero professionista; l’architetto Gregorio Paladini, progettista/direttore dei lavori di realizzazione di un impianto di distribuzione di gas metano. A vario titolo sono stati contestati i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e di falsità ideologica e materiale commessa in atti pubblici. 

Le accuse

Le indagini sono state condotte dai militari del Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Brindisi. Stando alle ipotesi accusatorie, Lacinio avrebbe ricevuto da Paladini “una imprecisata somma di denaro (pari a diverse centinaia di euro)” per un parere favorevole sulla pratica per la realizzazione di un impianto di distribuzione di gas metano per autotrazione. L’ipotesi di reato contestata è quella di corruzione. 

Accusati di corruzione anche Consales, Brigante, Del Citerna e Sergi. L’ex sindaco e l’ex consigliere Brigante, in particolare, avrebbero promesso al consigliere Sergi “di nominare il figlio quale assessore al Patrimonio e alla Casa presso il Comune di Brindisi”. Poi “solo Consales avrebbe promesso a Sergi di nominare il figlio quale componente del consiglio di amministrazione della Stp”. Infine “Consales e Del Citerna avrebbero nominato il figlio di Sergi quale componente dell’ufficio di supporto del sindaco”. Tutto questo in cambio dei voti favorevoli di Luigi Sergi rispetto a proposte deliberative della maggioranza consiliare

Il terzo e ultimo capo di imputazione viene contestato a Dell'Atti, Lacinio, Luperti e Mautarelli, accusati in relazione alla redazione del progetto definitivo dell’Intervento di restauro, valorizzazione e fruizione delle torri costiere Torre Testa/Torre Punta Penne, che sarebbe stato redatto da professionisti esterni all'amministrazione, senza incarico.

L’udienza preliminare è stata fissata per il 18 ottobre 2022. Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Giovanni Brigante, Massimo Manfreda, Roberto Cavalera, Laura Beltrami, Fabio Di Bello, Oreste Nastari, Claudio Gatti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione: ex sindaco ed ex consiglieri rischiano un processo
BrindisiReport è in caricamento