rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca Oria

Cozze nere e ostriche di dubbia provenienza: sequestro in una pescheria

Sigilli a un quintale di prodotti ittici apposti dai militari della Capitaneria di porto di Brindisi dopo un controllo

BRINDISI - Prosegue l’attività di controllo lungo la filiera della pesca da parte della Capitaneria di Porto di Brindisi, finalizzata a prevenire e scoraggiare la commercializzazione di prodotti ittici di dubbia provenienza, soprattutto in vista dell’arrivo delle festività natalizie, periodo in cui solitamente cresce la richiesta di prodotti ittici e di conseguenza aumenta il rischio di ritrovare sulle tavole dei cenoni prodotto ittico non idoneo al consumo o commerciato illegalmente.

Nella mattinata di ieri, nel corso di un controllo presso una nota pescheria di Oria, i militari della Sezione Polizia Marittima della Capitaneria di IMG-20171222-WA0020-2Porto - Guardia Costiera di Brindisi, hanno rinvenuto circa un quintale di molluschi, cozze nere ed ostriche, privi di qualsiasi documento che ne attestasse la provenienza e quindi la tracciabilità. Al fine di accertare e certificare la provenienza i frutti di mare devono essere etichettati e tracciati e, oltretutto, devono obbligatoriamente transitare da centri ittici specializzati dove vengono puntualmente esperiti controlli chimico-batteriologici sui prodotti approvvigionati e sulle acque utilizzate per la depurazione.

Oltre al sequestro amministrativo del pescato, che, visto lo stato vivo e vitale è stato rigettato in mare, al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa per un importo massimo di 4.500 euro in applicazione del decreto legislativo n. 04 del 09 gennaio 2012, così come modificato dalla Legge 154/2016 del 28 luglio 2016.

Il comandante della Capitaneria di Porto invita "la collettività a prestare la massima attenzione nell'acquisto dei prodotti ittici, privilegiando quelli che rispettano le procedure di garanzia e salubrità alimentare, evitando di comprare quelli venduti illecitamente e senza garanzie igienico/sanitarie per strada da ambulanti privi di qualsivoglia autorizzazioni”.

Anche nei prossimi giorni proseguirà la serrata attività di controllo lungo la filiera della pesca da parte della Capitaneria di Porto di Brindisi, finalizzata a prevenire e scoraggiare la commercializzazione di prodotti ittici di dubbia provenienza. Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530. Capitaneria di Porto di Brindisi - tel. 0831521022 - mail cp.brindisi@mit.gov.it - cell. 3389455962
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cozze nere e ostriche di dubbia provenienza: sequestro in una pescheria

BrindisiReport è in caricamento