Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Ostuni

“Crollo nella scuola: lavori a regola d’arte, nessuna colpa”

Ascoltato l’imputato Salvatore Molentino, accusato di lesioni personali: rimasero feriti una maestra e due alunni

OSTUNI – “I lavori nella scuola furono eseguiti a regola d’arte: il pezzo d’intonaco crollato in classe non può essere imputato al direttore di quel cantiere”. Ha voluto sottoporsi all’esame in qualità di imputato, l’ingegnere Salvatore Molentino: seguì i lavori come direttore ed è finito sotto processo con l’accusa di lesioni personali, in relazione a quanto avvenne la mattina del 13 aprile 2015 in una classe della scuola elementare Pessina. Rimasero feriti una insegnante e due alunni, tutti si sono costituiti parte civile nel giudizio chiedendo il risarcimento dei danni patiti. Sono rappresentati in udienza dagli avvocati Michele Laforgia e Alessandro Dello Russo.

L'aula della scuola di viale Pola interessata dal crollo del solaio-2

Molentino ha scelto il dibattimento, assistito dall’avvocato Francesco Sabatelli. Accusa identica è stata contestata nei confronti di Roberto Melpignano, in qualità di dirigente dell’ufficio tecnico dell’Amministrazione comunale di Ostuni. Responsabile civile è l’Ente cittadino.

La Procura, nel frattempo, ha chiuso l’inchiesta bis sul crollo, per approfondire gli aspetti legati ai lavori di consolidamento e messa in sicurezza dell’edificio eseguiti fra il 2009 e il 2015, quando la scuola venne inaugurata. In sette rischiano di finire sotto processo. La richiesta di rinvio al giudizio del Tribunale riguarda i due già imputati nel processo madre, vale a dire al dirigente dell’ufficio tecnico del comune di Ostuni, Roberto Melpignano, al direttore dei lavori, Salvatore Molentino e il responsabile del piano sicurezza, l’architetto Stefania Farina, più quattro imprenditori residenti a Oria, Ceglie Messapica, Ostuni e Grottaglie. Le accuse contestate sono, a vario titolo, abuso d’ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente per aver frazionato artificiosamente gli incarichi professionali e di esecuzione di lavori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Crollo nella scuola: lavori a regola d’arte, nessuna colpa”

BrindisiReport è in caricamento